Claudio Bellucci e quella leggendaria doppietta all'Arsenal
Home » Claudio Bellucci e quella leggendaria doppietta all’Arsenal
Bomber Story

Claudio Bellucci e quella leggendaria doppietta all’Arsenal

Proprio nel giorno più atteso dai tifosi napoletani, quello del big match contro l’Arsenal nei quarti di finale di Europa League, ci torna alla mente un grande attaccante che, 24 anni fa, fu protagonista di un clamoroso exploit proprio contro i Gunners: stiamo parlando di Claudio Bellucci.
Non si tratta di un giocatore qualsiasi, ma di autentico bomber di razza capace di siglare oltre 150 reti in carriera (tra il 1993 e il 2011) con le maglie di Sampdoria, Fiorenzuola, Venezia, Napoli, Bologna, Livorno e Modena.

Il giorno più esaltante della vita calcistica di Claudio Bellucci è, senza ombra di dubbio, il 20 aprile 1995, quando a Genova si disputa la semifinale di ritorno di Coppa delle Coppe tra Sampdoria e Arsenal. All’andata gli inglesi si sono imposti per 3-2, lasciando più che aperto il discorso qualificazione alla finalissima. Solo a leggere i nomi in campo quella sera a Marassi, vengono i brividi: da una parte mostri sacri come David Seaman, Tony Adams e Ian Wright, dall’altra Roberto Mancini, Sinisa Mihajlovic e Walter Zenga, solo per citarne alcuni.

La rinascita di Belfodil. Da bidone a goleador in Bundesliga

I DUE MINUTI DI GLORIA DEL GIOVANE CLAUDIO BELLUCCI

La partita è bella ed equilibrata, un autentico spot per il calcio. I blucerchiati passano subito in vantaggio con un delizioso pallonetto dell’attuale ct della nazionale italiana, i Gunners pareggiano nella ripresa con l’implacabile cecchino Ian Wright. Al 79′, il tecnico Sven Goran Eriksson si gioca la carta Claudio Bellucci: un diciannovenne di belle speranze, con una manciata di presenze ed appena 2 gol realizzati in campionato. A molti sarebbero tremate le gambe, a Bellucci certamente no: nel giro di due minuti, l’attaccante sigla una memorabile quanto imprevedibile doppietta che fa esplodere di entusiasmo il pubblico di fede doriana.

Quella che sembra una partita ormai chiusa con la qualificazione alla finale in cassaforte, si trasforma però in una terribile beffa per la Samp. A 60 secondi dal termine il difensore Schwarz, complice un Walter Zenga non esente da responsabilità, indovina una punizione da 30 metri che riporta il risultato in parità tra andata e ritorno. Si va alla lotteria dei rigori, che premia incredibilmente l’Arsenal. Per i blucerchiati è una delle pagine più amare della storia, per Claudio Bellucci una straordinaria serata da custodire gelosamente e con orgoglio.

Speriamo che il ricordo di questa sensazionale doppietta all’Arsenal possa essere di buon auspicio per il Napoli, squadra con cui lo stesso Bellucci fu ottimo protagonista tra il 1997 e il 2001 con oltre 100 presenze all’attivo.

6 portieri di riserva che giocherebbero meglio di Olsen