Niente Champions per il Manchester United: crollano incassi e stipendi

No Champions per il Manchester United: il pareggio contro il già retrocesso Huddersfield ha matematicamente escluso i Red Devils dalla prossima Champions League. E mentre il Tottenham se la rideva, godendo oltretutto anche del passo falso dell’Arsenal, a piangere è lo United che solo di incassi tv perderà 76 mln di euro. Un bello smacco per il club che però potrà recuperare quei soldi dagli stipendi dei giocatori.

LEGGI ANCHE: Che gaffe dalla mamma di Cristiano Ronaldo! Juventini furiosi (FOTO)

NO CHAMPIONS PER IL MANCHESTER UNITED

No Champions? Ahiahiai! Secondo una clausola presente nei contratti di tutti i giocatori della rosa, in caso di mancata qualificazione in Champions League, lo stipendio si abbassa del 25%. Una clausola che il club inserì qualche anno fa quando la mancata qualificazione nell’Europa che conta costò caro in termini economici. Ad esempio l’Adidas abbassò del 40% il pagamento dello sponsor tecnico. Il più colpito da questa clausola è Paul Pogba che perderà 2,1 mln di euro di stipendio netto più quasi 4 mln di diritti commerciali. Considerando che attualmente percepisce 17 mln di euro l’anno, non la vediamo come una cosa tragica. Ma evidentemente per il francese lo è dato che si parla di un quasi certo addio in estate.

LEGGI ANCHE: Casillas dimesso dall’ospedale dopo l’infarto. Queste le sue prime parole

Intanto i tifosi del Manchester United sono furiosi per la stagione deludente e hanno deciso di colpire la società con una singolare protesta. Su twitter è stato lanciato l’hashtag #UnfollowManUnited in cui sono stati invitati i fans a togliere il follow dal canale ufficiale del club. In poche ore ha avuto un calo di 5000 follower. Nell’era del digital, sicuramente un dislike fa più male di uno striscione. Per il Man Utd è proprio un periodo infernale.

LEGGI ANCHE: Dalla Spagna: Juve e Inter asta milionaria per Asensio. Cifre da capogiro

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA