Calcetto con colleghi e clienti? È orario di lavoro..lo dice una sentenza

Partitella di calcetto con i colleghi e i clienti? Da oggi fa parte dell’orario di lavoro. A stabilirlo una clamorosa sentenza della sezione di Vigo, Galizia del Tribunale Supremo spagnolo. 

Tutto è nato da una richiesta dei sindacati dell’Altadis, la società leader per la produzione di tabacco. Da anni l’azienda organizza un torneo di calcetto tra i propri dipendenti e i loro migliori clienti, i tabaccai. 

LEGGI ANCHE: Tifoso alla presentazione di Hazard.. con la maglia del Barcellona

Nel contratto di lavoro, firmato tra azienda e sindacati, si sottolineava che la partecipazione alle partite di calcetto era su iniziativa volontaria. Chi giocava però aveva diritto a un recupero delle forze e del tempo, tramite giorni di vacanza o ore libere. 

Vacanze e ore libere? Troppo poco! I sindacati si sono battuti per qualcosa in più. Per loro il calcetto doveva essere considerato orario di lavoro a tutti gli effetti. I due gradi di giudizio, Audiencia Nacional e Tribunal Supremo, clamorosamente gli hanno dato ragione.

LEGGI ANCHE: Solskjaer, tanti gol grazie..al suo garage. I tifosi: “Mandaci Lukaku”

Il calcetto quindi da oggi fa parte, a tutti gli effetti, dell’orario di lavoro. Per chi partecipa ai match dunque la giornata di lavoro successiva dovrà iniziare almeno 12 ore dopo il triplice fischio finale. E in caso di infortunio? Niente panico, verrà considerato incidente sul lavoro.

Ma amanti del calcetto non esaltiamoci, tutto questo, purtroppo, succede solo in Galizia..per ora.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti