Le 5 cose che può fare Totti lontano da Roma (e dalla Roma)
Home » Le 5 cose che può fare Totti lontano da Roma (e dalla Roma)
Bomber Story

Le 5 cose che può fare Totti lontano da Roma (e dalla Roma)

Roma è una madre con la quale litighi continuamente ma che difficilmente riesci ad abbandonare. Che sa regalarti un sorriso l’attimo successivo al vostro peggior litigio.

All’ombra del Colosseo i problemi fanno posto all’avanzare fiero di un Gladiatore. A Roma, se sei romano e sei stato bandiera e capitano DELLA Roma, vorresti rimanere per sempre.

Di divorzi illustri però la storia è piena, dopo Brad Pitt e Angelina Jolie poi nessuno sembrava più essere sensibile all’argomento. Eppure nella Capitale un terremoto forte ha scosso anche i più inamovibili degli addetti ai lavori: Francesco Totti e l’A.S. Roma dalla prossima stagione non saranno più uniti in un matrimonio che sembrava esser destinato a non finire mai.

Inutile entrare nel merito della questione, la parole al veleno dell’ex capitano giallorosso hanno regalato titoli di giornale per i prossimi tre mesi, e la risposta piccata della società ha già fatto il giro del mondo. L’unica cosa certa è che c’è un nuovo disoccupato (sì…) in città, in cerca di lavoro.

Ci siamo chiesti, quindi, cosa potrebbe fare Francesco “Il Pupone”, “Capitano”, Totti nei prossimi mesi.

Andare in vacanza

Inutile girarci intorno, il primo (o quasi) pensiero di tutti è stato: “Francè, ma chi te lo fa fare”, goditi la pensione e non pensarci più. Hai una bella (bellissima) moglie, tre splendidi figli. Un conto in banca che non ha bisogno di presentazioni, vattene in vacanza e dedicaci il sole del posto più a sud che ti viene in mente.

Questa voglia spasmodica di voler per forza lavorare non la capiamo!

Il Direttore Sportivo

La più banale, e scontata, delle possibilità. Totti è stato chiaro su quale voglia sia il suo futuro. La Roma non gli ha dato la possibilità di esprimersi nel ruolo che, secondo lui, più lo aggrada? E allora vada a farlo altrove e dimostri che si sbagliavano.

Stando alle sue parole è una possibilità più che concreta, con diverse società di Serie A che già si sarebbero fatte avanti. Magari la Sampdoria di Ferrero, grande tifoso della Roma e pronto ad accogliere a braccia aperte il Pupone tra le fila blucerchiate.

Allenare

Possibilità di cui non si è mai parlato. La via della panchina almeno sulla carta sembra essere la più distante dalle ambizioni di Francesco Totti, eppure in un periodo in cui tutta la classe dei Campioni del Mondo del 2006 fatica ad emergere a buoni livelli nel mestiere di allenatore, la pragmaticità di Francesco, unita alla sua capacità di rendere semplice in campo ogni giocata, potrebbero restituire ai giocatori allenati quella skill in più per far di lui un grande tecnico.

Magari qualche squadra del Qatar, una bella esperienza in Asia o nella Major League Soccer in America.

Diventare un attore

Un volto che da solo, anche in assenza di parole, racconta una storia. Una comicità spontanea figlia di una romanità mai nascosta, alle volte ostentata, ma mai stucchevole.

Negli occhi di tutti ci sono ancora i tanti spot pubblicitari girati negli anni. Magari non un ruolo da protagonista, ma con la giusta guida un futuro da spalla nel mondo del cinema è assicurato! Aurelio De Laurentis è avvertito per il prossimo cinepanettone.

Scrivere un (altro) libro

Avrebbe certamente la strada spianata. Il suo passato parla chiaro, Francesco Totti è autore di bestseller dal forte impatto culturale, ed in tanti aspettiamo ormai da troppi anni il nuovo capitolo delle sue celebri barzellette.

Facci questo regalò capità!