Geniale la coreografia del Legia che si prende gli applausi degli avversari

Questa volta nulla da eccepire sulla coreografia del Legia Varsavia durante il preliminare di Europa League contro i Rangers. I tifosi polacchi hanno trovato il modo per ostacolare i tifosi scozzesi e i loro cori settari. Una coreografia goliardica che ha fatto il giro del web e che è stata apprezzata anche dai supporters avversari.

LEGGI ANCHE – Barcellona incredulo: il Psg rifiuta l’offerta monstre per Neymar

LA COREOGRAFIA PAPALE DEL LEGIA

Il derby di Glasgow è contraddistinto da sempre da contrapposte ideologie religiose: i protestanti dei Rangers contro i cattolici del Glasgow. Non a caso, il derby della capitale scozzese è considerato tra i più accesi del mondo, dove spesso capita qualche scazzottata. Già nella precedente sfida di Europa Legue contro il St. Joseph, i Rangers erano stati puniti dalla Uefa per cori settari. Risultato: stadio parzialmente chiuso e logo Equal Game nel settore incriminato. Nel match di ieri, i tifosi del Legia si sono contrapposti ostentando la loro fede religiosa con una mega coreografia raffigurante il volto di Giovanni Paolo II, simbolo del cattolicesimo e orgoglio dei varsaviani. I più bigotti hanno criticato la coreografia, ma chi ne ha saputo cogliere lo spirito goliardico si è fatto una risata.

LEGGI ANCHE – Icardi vince la battaglia con l’Inter. La risposta a Zhang è surreale

Papa Wojtyla che è stato scomodato inutilmente dato che miracoli non sono avvenuti. Il Legia ha perso ed è uscito dall’Europa League. Di coreografie belle ne abbiamo viste di diverse negli ultimi anni. Famosissima quella 3D del Galatasaray o quella celebre del Borussia Dortmund nel 2013 in Champions League contro il Malaga. Anche in Italia però abbiamo dato spettacolo: dal famoso skyline di Firenze mostrato dalla Fiesole durante una sfida nel 1991 contro la Juve, all’aquila stilizzata che campeggiava su tutta la tribuna tevere in un derby di Roma. Per non parlare della Madonnina della Curva nord dell’Inter o del diavolo che stritolava il biscione nella curva sud milanista. Ma nessuno aveva mai osato utilizzare Sua Santità.

LEGGI ANCHE – Nizza Marsiglia sospesa per cori omofobi. Ma Cyprien non ci sta

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti