Prima Categoria veneta: Urina a bordocampo. Espulso

LEGGI ANCHE: Qatar 2022, camera d’albergo con vista sul campo (VIDEO)

Chi ha giocato a calcio, almeno una volta lo ha fatto o lo ha visto fare. Quando lo stimolo arriva, la tentazione di fare pipì su di un verde prato, piuttosto che in un angusto bagno da spogliatoio, può prendere il sopravvento. Come reagisce però un arbitro attento al cospetto di questa pratica? A quanto pare non bene.

L’episodio è avvenuto durante la partita del girone G della prima categoria veneta tra Limana e Plavis Pizzocco. Nel corso del secondo tempo un calciatore della squadra ospite si è allontanato dalla panchina per urinare. L’arbitro, accortosi dell’evento, ha fermato il gioco e ha raggiunto un gruppo di giocatori fuori dal campo, tra cui il “colpevole”.

LEGGI ANCHE: Balotelli: “Giocare contro Cr7? Non mi interessa proprio, non mi esalta”

Urina a bordocampo. Espulso

A questo punto il direttore di gara non ci ha pensato due volte e ha estratto il cartellino rosso nei confronti del giocatore incriminato. Il gesto è stato considerato come comportamento volgare. Il calciatore, rimasto prima esterrefatto, non ha potuto fare altro che abbandonare il campo e dirigersi negli spogliatoi. Poco importa si trattasse o meno di un bisogno impellente. Secondo l’arbitro il giocatore, per giunta in panchina, avrebbe avuto piena possibilità di allontanarsi per tempo.

Da questa storia è bene trarre un insegnamento. Se avete svolto bene tutti gli allenamenti della settimana, e desiderate entrare in campo almeno per qualche minuto, meglio farsi qualche metro in più e “liberarsi” negli spogliatoi. In fondo si tratta semplicemente di seguire il regolamento.

LEGGI ANCHE: La paura di Alexander-Arnold: “Essere ricordato per la Champions”

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti