Manchester City, due partite in meno di 48 ore: il club furioso

Il Manchester City, durante il periodo natalizio, dovrà affrontare due partite in meno di 48 ore. Una decisione che ha fatto infuriare il club che si sente penalizzato. Natale da dimenticare per i Citizens. La formazione di Guardiola dovrà incontrare due avversarie a distanza di soli due giorni, a differenza del Liverpool che ha un calendario leggermente migliore. Il City naturalmente non ha preso bene la notizia e ha scelto di protestare pubblicamente. Al momento, in Premier League, la squadra guidata da Jurgen Klopp si trova al primo posto in classifica a sei punti di distacco dal Manchester City, che è fermo alla seconda posizione, rincorso da Leicester e Chelsea. Un ottimo inizio di stagione per i Reds, che nelle prossime partite potrebbero allungare il passo, complice anche un calendario favorevole, o almeno, questo è ciò che pensano nei pressi di Manchester. 

LEGGI ANCHE: Amkar Perm, profilo Twitter hackerato: pubblicate foto per adulti

Manchester City, due partite in meno di 48 ore: il club furioso

Con l’avvicinarsi del periodo natalizio è stato infatti aggiornato il calendario riguardante i match di dicembre e il City ha avuto decisamente una brutta sorpresa. Due gare in meno di 48 ore, una scelta considerata folle e penalizzante per la squadra. Il 27 dicembre è prevista la partita tra Citizens e Wolverhampton, mentre il 29 dicembre, all’Etihad, la formazione di Guardiola accoglierà lo Sheffield United. Il Liverpool giocherà invece contro il Leicester il 26 dicembre e scenderà poi in campo tre giorni dopo, il 29 dicembre, contro i Wolves, in campo anche loro a meno di due giorni dal match precedente. Ed ecco quindi arrivare puntuale la protesta del City. Il dirigente Omar Berrada, raggiunto dalla testata inglese Manchester evening news, ha spiegato il loro disaccordo. 

LEGGI ANCHE: Ben Afra-Psg, 70 mila euro al mese solo per presentarsi in orario

“Comprendiamo le esigenze di chi possiede i diritti televisivi, ma non siamo d’accordo con le decisioni prese. Dobbiamo pensare anche a tutelare l’integrità dei nostri calciatori, la competitività de campionato e la qualità del prodotto. Le partite di Premier richiedono sforzi ingenti e giocare due match in 48 non è l’ideale. Avevamo chiesto di considerare alcune opzioni, ma dovremo attenerci agli orari e alle date designate”.

LEGGI ANCHE: Aubameyang, minacce di morte e insulti razzisti dopo vittoria con Marocco

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti