Home » Arbitro ammonisce Kakà, ma è solo un pretesto per..un selfie (VIDEO)
News

Arbitro ammonisce Kakà, ma è solo un pretesto per..un selfie (VIDEO)

In Israele, durante un match tra Israele-Brasile Legends, l’arbitro ammonisce Kakà. Tutto normale, se non fosse che il cartellino giallo era solo un pretesto per avvicinare il campione e fare un selfie. Martedì, ad Haifa nel nord di Israele, si è svolto un match tra i verdeoro e la nazionale del Paese. In campo non c’erano però Neymar e compagni, ma ex giocatori ormai lontani dal terreno da gioco, un match tra Legends. Per il Brasile una squadra di sole superstar, composta dai giocatori che hanno vinto i Mondiali del 1994 e del 2002. Più di 20 mila tifosi hanno partecipato alla partita, per assistere all’esibizione di ex calciatori del calibro di Ronaldinho, Kakà, Roberto Carlos, Rivaldo e molti altri.

LEGGI ANCHE: Cr7, regalo e lettera commovente per l’Under-17 femminile portoghese

Arbitro ammonisce Kakà solo per un selfie

Le due squadre hanno partecipato a questa amichevole per promuovere la convivenza tra i due paesi. Gli organizzatori sperano infatti che il messaggio si materializzerà da Haifa e raggiungerà ogni angolo del mondo. La gara non è durata 90 minuti come consuetudine, ma solo 70 minuti. Il tempo necessario per la Seleção di vincere 4-2 sui padroni di casa. Bebeto ha segnato il primo gol dopo soli 5 minuti, ma la squadra israeliana è poi passata in vantaggio grazie alle reti di Ronen Harazi e Yaniv Katan. Ronaldinho, Kakà e Marcio Amoroso hanno poi chiuso la partita. Quando il punteggio era fermo sul 2-3 è però successo un episodio davvero particolare, che ha sorpreso e divertito i presenti e che ha fatto subito il giro del mondo.

LEGGI ANCHE: Milner: “Nel sonno parlo spagnolo, Robertson invece fa rumori strani”

L’arbitro interrompe infatti un’azione senza motivo apparente. Ma bastano solo pochi minuti per comprendere il suo gesto. Il direttore di gara tira fuori un cartellino giallo per Kakà, che rimane abbastanza perplesso. E il brasiliano ha tutte le ragione  del mondo nel rimanere dubbioso perché l’ammonizione era soltanto un pretesto per scattare un selfie. L’arbitro infatti tira subito fuori lo smartphone e scatta una foto con il campione brasiliano, davanti ai compagni brasiliani divertiti.