Show di Ross Barkley in discoteca a Dubai: Chelsea furioso

Lo show di Ross Barkley in una discoteca di Dubai ha scatenato l’ira del Chelsea e di Frank Lampard. Ross Barkley ci ricasca e ne combina un’altra delle sue. Solo un paio di mesi fa il venticinquenne aveva fatto infuriare il tecnico Blues per un diverbio assai acceso con un tassista, oggi lo scenario è diverso ma l’ira di Lampard è sempre la stessa. A settembre il giocatore, mentre si trovava su un taxi a Liverpool, aveva fatto cadere delle patatine nella vettura, rifiutandosi poi di pulire. Nasce così un acceso battibecco con il tassista, finché non intervengono le forze dell’ordine che scortano il calciatore a un bancomat a prelevare i soldi necessari per risarcire l’uomo. Il tecnico non reagì molto bene, ma decise comunque di fidarsi del suo giocatore.

“A un livello professionistico, cose del genere non dovrebbero mai accadere. Ha ammesso di aver sbagliato, mi fido di lui e andiamo avanti”.

Show di Ross Barkley in discoteca a Dubai

Ma ora Ross ne ha combinata un’altra delle sue e rischia di perdere la fiducia del mister. Il venticinquenne, non potendo partecipare ai match della nazionale inglese contro Kosovo e Montenegro per un problema alla caviglia, ha chiesto di poter partire per una breve vacanza. Il centrocampista, con il permesso del club, è volato quindi a Dubai. Tutto bene fin qui. Peccato però che Barkley, prima di ripartire per Londra, abbia dato spettacolo in una discoteca della città.

LEGGI ANCHE: Barcellona, Griezmann rivela: “Ecco cosa non so fare in campo”

Il suo show è documentato da diverse foto e video, diffuse dal Daily Mail, in cui appare a petto nudo con un amico. Il tutto mentre un uomo della security del locale e alcune ragazze presenti alla serata cercano di farlo ricomporre, senza però riuscirci. Il centrocampista fa infuriare così nuovamente il club. E, dato che “A un livello professionistico, cose del genere non dovrebbero mai accadere” il quotidiano inglese prevede anche l’ira di Lampard. E chissà se il giocatore dovrà anche pagare una delle multe per comportamento non idoneo presente nella lista diffusa sui social solo qualche giorno fa. 

LEGGI ANCHE: Coppa Libertadores, sorveglianza record per la finale: 10 mila militari

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA