Dhorasoo si candida a sindaco di Parigi: il suo programma

Vikash Dhorasoo si candida a sindaco di Parigi. Il quarantaseienne che in passato ha indossato, tra le altre, le casacche di Milan e Paris Saint-Germain è ora pronto a vestire quella da primo cittadino della capitale francese. L’ex centrocampista è nato in Normandia, a Harfleur, da genitori originari dell’isola di Mauritius. Inizia la sua carriera al Le Havre per poi concluderla quindici anni più tardi al Livorno. Un centrocampista dotato di buone doti tecniche e una particolare abilità nel dribbling,  vicecampione del mondo con la Nazionale francese al mondiale 2006 e nel 2005 vicecampione d’Europa con il Milan. Vikash però nel calcio italiano, a differenza di quello francese, non riuscirà mai a imporsi. Dopo il ritiro dal mondo del pallone intraprende  la carriera di giocatore di poker semi-professionista, ma si dedica anche a cinema e beneficenza. Ora lo aspetta un’altra grande avventura.

LEGGI ANCHE: La verità di Lichtsteiner su Unai Emery e il suo esonero

Dhorasoo si candida a sindaco di Parigi

Dohrasoo si candida a sindaco di Parigi con la sinistra radicale de La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon. Il vice campione del mondo 2006 è cresciuto in un quartiere multietnico di Harfleur, dove ha cementato i suoi ideali fortemente di sinistra. Suo padre lavorava nei cantieri navali, ma perse il lavoro quando Vikash era ancora piccolo. L’ex calciatore rifiuta però categoricamente l’etichetta di self made man in difesa dello Stato sociale o assistenziale. E l’ex Milan, in vista delle elezioni comunali del 2020, ha già presentato delle proposte per la città.

LEGGI ANCHE: Galles, Giggs vieta il golf ai giocatori per gli Europei

Prima di tutto annullare i Giochi Olimpici di Parigi 2024 che l’ex sportivo, come riporta il Corriere della Sera, definisce una grande truffa e un grande circo che serve solo ad arricchire le solite multinazionali e a inquinare. In caso di vittoria di Dhorasoo addio quindi alle Olimpiadi, la capitale francese in fondo non può accogliere una catastrofe ecologica e sociale simile. Il modello da seguire è poi quello della Francia in cui è cresciuto, fatto di tanti volontari che l’hanno aiutato, del sussidio di disoccupazione, degli aiuti dello Stato alle famiglie e della previdenza sociale. Idee e parole che, per ora, sono piaciute non solo agli elettori della sinistra radicale. 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti