Reinier, campione del Sudamerica con il Flamengo ma bocciato a scuola

Campione del Sudamerica con il Flamengo ma bocciato a scuola, colpa anche delle troppe assenze. È la storia del baby campione Reinier Jesus Carvalho. Il Flamengo ha appena concluso una stagione d’oro, prima la vittoria della Coppa Libertadores contro il River Plate, poi la conquista del campionato brasiliano di calcio. Unica nota negativa la sconfitta con il Liverpool di Jurgen Klopp, al 99’, nella finale del Mondiale per club. È il brasiliano Firmino a mettere fine al sogno del club di Rio de Janeiro. Uno dei protagonisti, invece, della formazione di Jorge Jesus è sicuramente il giovanissimo Reinier.

LEGGI ANCHE: Fischia quattro rigori nella stessa partita: arbitro sospeso a vita

Flamengo, Reinier bocciato a scuola

Classe 2002, centrocampista offensivo cresciuto nelle giovanili del Flamengo e spesso accostato a Kakà. A soli 17 anni ha totalizzato già 14 presenze e quattro reti e ha attirato naturalmente l’attenzione dei grandi club europei. Il Real Madrid si sarebbe già mosso per portarlo nella capitale spagnola, ma anche Inter e Barcellona hanno messo gli occhi addosso al giovane. Il brasiliano, oltre al successo con il Flamengo, si è distinto anche nella Coppa del Mondo U17. Reinier, capitano della formazione verdeoro, ha segnato tre gol durante la competizione. E ora André Soares Jardine, commissario tecnico del Brasile Under-20, sta prendendo in considerazione l’idea di convocarlo per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Ma il ragazzo, super promosso in campo, ha qualche problemino tra i banchi di scuola.

LEGGI ANCHE: Messi più decisivo di Ronaldo, parola di un supercomputer belga

Il diciassettenne, come racconta Olè, dovrà ripetere l’anno scolastico, colpa soprattutto delle troppe assenze. Reinier infatti ha saltato oltre il 90% delle ore di biologia, chimica, inglese, matematica e fisica. Impossibile dunque promuoverlo e a nulla sono bastati i trofei vinti per far cambiare idea ai professori. Ma il diciassettenne può stare tranquillo, a gennaio compirà infatti diciotto anni e potrà lasciare il Brasile. Molti club, soprattutto in Europa, hanno scuole in sede per i giovani calciatori e Reinier potrà prendere tranquillamente il suo diploma. Ora bisognerà solo capire la sua destinazione e soprattutto se il Flamengo deciderà di far partire il suo baby campione. 

LEGGI ANCHE: Michail Antonio come il Grinch: rovina il Natale a una famiglia vestito da pupazzo di neve

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.