Home » Real Madrid, presentazione con lacrime per il diciottenne Reinier Jesus
News

Real Madrid, presentazione con lacrime per il diciottenne Reinier Jesus

Presentazione ufficiale per Reinier Jesus Carvalho in casa Blancos. Il diciottenne non è riuscito a trattenere le lacrime, per lui si avvera un sogno. Dopo i brasiliani Vinicius e Rodrygo il Real Madrid decide di puntare su un’altra stella nascente del calcio sudamericano: Reinier Jesus. Classe 2002, centrocampista offensivo, cresciuto come Vinicius nel Centro Deportivo Ninho de Urubu, sede della squadra giovanile del Flamengo. Reinier debutta in prima squadra a soli 17 anni, l’1 agosto 2019, disputando l’incontro di Copa Libertadores contro l’Emelec, vinto per 2-0. Una prova positiva, tanto da meritare un posto da titolare. Neo diciottenne, paragonato spesso a Kakà, ha già totalizzato 15 presenze in campionato, 6 reti e 2 assist, senza dimenticare il suo primo doppio trionfo, in campionato e in Coppa Libertadores. Ma ora per il brasiliano ha inizio una nuova esperienza, in Europa.

LEGGI ANCHE: Botta e risposta a distanza tra Solskjaer e Raiola per Pogba

Presentazione con lacrime per il diciottenne Reinier Jesus

Il centrocampista realizza il suo sogno d’infanzia e si unisce ai giganti spagnoli del Real Madrid. Il ragazzo ha firmato un contratto di sei anni con la squadra di Zinedine Zidane, nelle casse del Flamengo vanno invece 35 milioni di euro. L’ultimo acquisto Blancos è stato svelato in una conferenza stampa, a fianco del presidente Florentino Perez. Una presentazione che ha fatto commuovere il diciottenne e la sua famiglia. Durante la conferenza stampa infatti Jesus, non appena ha iniziato a parlare dei suoi genitori e della gioia di aver firmato per uno dei più grandi club del mondo, è scoppiato a piangere.

LEGGI ANCHE: Derby folle in Cile, razzi e cellulare in campo: match sospeso (VIDEO)

È un sogno per me giocare per il Real Madrid. Questo è un sogno per tutta la mia famiglia. È sempre stata la mia squadra e darò il massimo. È il club più grande del mondo e c’è molta pressione, ma darò il massimo. Sono molto felice di avere questa opportunità e sono molto grato a tutti coloro che mi hanno aiutato, alla mia famiglia, mio padre è il mio più grande eroe. Kaká è un idolo per me. Era brasiliano, ovviamente, e l’ho sempre seguito. Sono molto contento che mi abbiano paragonato a lui. Sono riuscito a incontrarlo e mia ha augurato buona fortuna” .

LEGGI ANCHE: Manchester City, a rischio titolo 2014: il commento di Steven Gerrard