Home » Adebayor in versione Jackie Chan, calcio volante ad avversario (VIDEO)
News

Adebayor in versione Jackie Chan, calcio volante ad avversario (VIDEO)

Adebayor torna sotto i riflettori, questa volta però in versione Jackie Chan. Il togolese è stato espulso, durante un match in Paraguay, per un calcio volante ad un avversario. Il giocatore si scusa poi sui social. L’ex star della Premier League con un passato, tra le altre, all’Arsenal, Manchester City e Tottenham, lo scorso febbraio si è unito all’undicesimo club della sua carriera. Dopo una brevissima esperienza nel club turco del Kayserispor firma infatti un contratto con la squadra colombiana dell’Olimpia. Il trentaseienne non è ancora riuscito a segnare con la maglia del suo nuovo club, ma ha saputo comunque conquistare le prime pagine dei giornali, colpa di un fallaccio.

Adebayor, calcio volante ad avversario

L’Olimpia ha affrontato nei giorni scorsi gli argentini del Defencia y Justicia per la seconda giornata della fase a gironi di Copa Libertadores. Al minuto 72, sul punteggio di 1-0 per i paraguaiani, Adebayor fa un fallo che conquista l’attenzione di tifosi e media. Il togolese e l’attaccante ventunenne del Defencia, Enzo Coacci, tentano di intervenire su un pallone alto. L’ex Arsenal però arriva con la gamba tesa e colpisce in pieno l’avversario. Coacci fortunatamente sposta in tempo il viso e i tacchetti di Adebayor colpiscono solo la spalla. Il ragazzo cade a terra dolorante mentre per il trentaseienne arriva il cartellino rosso diretto. Il match si è poi concluso con la vittoria dell’Olimpia per 2-1, grazie alle reti di Rolòn e Montenegro Benitez. Per il Defencia va a segno Marcelo Benitez nel recupero del secondo tempo, ma non basta. 

Adebayor dopo la partita si è scusato con l’avversario. Il campione togolese ha scritto un post ironico sui propri profili social: “Grande partita, siamo una squadra dal grande spirito. Abbiamo ottenuto una bella vittoria. Triste dover lasciare il campo per un colpo alla Jackie Chan, non era mia intenzione far male al mio avversario, e sono lieto che stia bene”.