Home » Chelsea, Mason Mount ignora la quarantena e va a giocare a calcetto
News

Chelsea, Mason Mount ignora la quarantena e va a giocare a calcetto

Mason Mount, centrocampista del Chelsea, ignora la quarantena e va a giocare a calcetto con Declan Rice del West Ham. Il Chelsea ha già commentato l’accaduto, il tecnico Frank Lampard invece non si è espresso. La scorsa settimana i Blues hanno chiuso il Cobham Training Center a causa della positività al Covid-19 del giocatore Callum Hudson-Odoi. La pandemia aveva già colpito la Premier League, il tecnico Mikel Arteta infatti era già risultato positivo. L’ala del Chelsea però è il primo giocatore della massima serie inglese a cui è stato diagnosticato il coronavirus. L’intera squadra, seguendo le linee guida del governo britannico, ha iniziato quindi la quarantena. Ma Mount non ha rispettato l’auto-isolamento ed è uscito per una partitella a calcetto. 

Mason Mount ignora la quarantena e va a giocare a calcetto

Il ventunenne, come riporta il Daily Mirror, è andato su un campo ProTurf 5G, presso il centro di Trent Park, insieme all’amico del West Ham Declan Rice. I due sono amici dall’infanzia. Rice però, a differenza di Mount, non era in quarantena. Nel West Ham infatti, ad oggi, solo il tecnico David Moyes è in auto-isolamento perché è entrato in contatto con il collega Arteta. Una testimone ha raccontato al tabloid inglese di aver notato subito i due campioni della Premier: “Ho portato mio figlio di 14 anni lì per una sessione di allenamento. Abbiamo notato un’auto un po’ ridicola e ci siamo chiesti chi fosse. Poi ne è arrivato un altro con tre o quattro persone all’interno. Mio figlio ha riconosciuto subito Mason Mount, era lui alla guida. Hanno giocato un partita, erano cinque contro cinque o sei contro sei. Anche Declan Rice stava giocando”.

Mount e Rice indossavano degli scaldacollo, degli snood, ma la testimone non sa se li stessero usando per proteggere le altre persone o semplicemente per non farsi riconoscere. Un portavoce del Chelsea ha subito spiegato che “il club ha ricordato a Mount le sue responsabilità”.