La tragicomica lite tra Lotito e Agnelli durante la conference call di Lega
Home » La tragicomica lite tra Lotito e Agnelli durante la conference call di Lega
News

La tragicomica lite tra Lotito e Agnelli durante la conference call di Lega

Tra i due non è mai corso buon sangue e la lite tra Lotito e Agnelli continua anche nei giorni di quarantena. Il nodo gordiano è la ripresa del campionato, con alcuni club capeggiati dal patron della Lazio che vorrebbero che il campionato ricominciasse a Maggio o a Giugno e altre squadre capeggiate da Andrea Agnelli che invece vorrebbero che il campionato terminasse per tutelare i propri atleti e iniziare a pianificare la prossima stagione.

LA LITE TRA LOTITO E AGNELLI IN CONFERENCE CALL

La tecnologia dà un grandissimo apporto in questo periodo di quarantena, aiuta le persone a sentirsi più vicine ma in taluni casi anche a scontrarsi. Come accaduto nell’ultima conference call avvenuta tra i presidenti della Lega serie A dove c’è stata una lite tra Claudio Lotito e Andrea Agnelli. “Avete visto i dati? Oh, se sta a ritirà (riferendosi al coronavirus, ndr) – avrebbe detto il presidente della Lazio come riporta Tuttosport -. Ma poi lo so: io parlo coi medici luminari, quelli che stanno in prima linea, no co’ quelli delle squadre...”. Ironica la risposta del rampollo di casa Fiat: Eh, certo: ora sei diventato anche un esperto virologo, tra le risate degli altri presenti.

Ovviamente ognuno tira acqua al suo mulino: l’idea di terminare il campionato farebbe gioco forza agli interessi dei bianconeri che attualmente sono primi in classifica e potrebbero ritrovarsi per la prima volta a vincere uno scudetto con 12 giornate d’anticipo. Ovviamente la cosa non va giù ai biancocelesti che distano dalla Vecchia Signora soltanto un punto e con lo scontro diretto a favore. Inoltre ci sarebbe da affrontare il discorso coppe europee dove si è proposto di riconfermare le qualificate in Champions (Juve, Napoli, Inter e Atalanta) e in Europa League (Lazio, Roma, Torino) della scorsa stagione oppure di basarsi sul ranking europeo. Ovviamente anche in questo caso la Lazio verrebbe penalizzata. La situazione è davvero paradossale, difficile intuire come andrà a finire.