Home » Caso Reyes, al momento dell’incidente viaggiava a 187 km/h
News

Caso Reyes, al momento dell’incidente viaggiava a 187 km/h

L’ex stella del Real Madrid Jose Antonio Reyes al momento dell’incidente mortale della scorsa estate viaggiava a 187 km/h. Era il 1°giugno 2019 e l’ex centrocampista era sulla sua Mercedes S 550 da 380 cavalli con due cugini. I tre, che si trovavano sull’autostrada A-376 vicino alla città di Alcala de Guadaira nel sud della Spagna, ebbero un gravissimo incidente. Reyes e uno dei cugini, di soli 23 anni, morirono sul colpo. L’altro passeggero invece, Juan Manuel Calderon, nel tentativo di salvare Reyes e il ragazzo ha riportato ustioni al 60% del corpo. L’uomo, parlando con le forze dell’ordine, non era riuscito però a spiegare l’esatta dinamica dell’incidente. Calderon ha dichiarato che stava guardando fuori dal finestrino finché l’auto non ha preso il guardrail. 

Reyes al momento dell’incidente viaggiava a 187 km/h

La polizia spagnola ha subito pensato all’alta velocità, escludendo altre cause e, dopo alcuni rilievi, sospettò che l’auto al momento dell’incidente viaggiasse a più di 220 km/h. La Mercedes guidata dall’ex calciatore ha impattato il guardrail e ha lasciato un segno di frenata per addirittura 90 metri. Solo in seguito, nei rapporti successivi, emerse che una ruota dall’auto aveva avuto un problema ed era esplosa, provocando l’uscita di strada. Ora dalla Spagna arrivano degli sviluppi sulla vicenda.

La Guardia Civil, come riporta la radio spagnola Cadena SER, ha studiato a lungo il caso. E, solo oggi, spiega che l’ex centrocampista stava viaggiando ad una velocità di almeno 187 km/h quando la ruota posteriore sinistra della sua Mercedes è esplosa e ha causato l’incidente fatale. Il rapporto riporta anche che la ruota esplosa aveva già avuto un problema qualche giorno prima. Uno dei cugini di Reyes l’aveva riparata a Merida, a sud della Spagna, nella sua officina. La notizia dell’incidente aveva scioccato gli ex compagni di squadra del campione ma anche tanti appassionati di calcio. Florentino Perez, presidente del Real Madrid, dopo la morte dell’ex centrocampista, ha scelto di farsi carico del figlio di Reyes fino al compimento dei suoi 18 anni. Il ragazzo ha lasciato le giovanili del Leganes per unirsi ai Blancos.