Home » Smolov e la fuga in Russia per il compleanno della fidanzata 18enne
News

Smolov e la fuga in Russia per il compleanno della fidanzata 18enne

Fedor Smolov è diventato il secondo giocatore del Celta Vigo, dopo il compagno di squadra Pione Sisto, a trasgredire alle regole del Governo spagnolo nell’emergenza Coronavirus per tornare nel suo paese. Se la rocambolesca ‘evasione’ del danese in macchina nel cuore della notte è già leggenda, anche la fuga di Smolov in Russia per partecipare al compleanno della fidanzata 18enne non passerà di certo inosservata.

Un altro calciatore si aggiunge alla lunga lista di trasgressori delle norme dei vari governi nel difficile periodo di lockdown per il Coronavirus. Si tratta di Fedor Smolov, 30enne russo attaccante del Celta Vigo. Grazie alla fuga in Russia di Smolov, il Celta balza così in testa alla speciale classifica degli ‘evasi’ dalla quarantena, dopo che la scorsa settimana il suo compagno di squadra Pione Sisto aveva dato sfoggio della sua furbizia scappando in piena notte dalla Spagna per raggiungere la Danimarca in macchina. Smolov però, a differenza di Pione Sisto, ha voluto viaggiare comodo: per tornare alla Madre Russia ha utilizzato infatti un jet privato. La fuga del calciatore però è del tutto giustificata: non poteva proprio mancare al compleanno della sua fidanzata.

Smolov e la fuga in Russia dalla nipote di Eltsin

Il quotidiano spagnolo As, ha raccontato che era da più di una settimana che il giocatore insisteva con il Celta Vigo affinchè gli venisse accordato il permesso di tornare in Russia per questioni personali, ma il club non ha potuto dare l’ok perché La Liga non lo ha autorizzato. Si è scoperto che le questioni personali di Smolov riguardavano il compleanno dei 18 anni della fidanzata e futura moglie, Maria Yumasheva. Un party a cui il giocatore non poteva proprio mancare. C’è da dire però, che Smolov potrebbe aver subito forti pressioni a tornare in patria dalla famiglia della ragazza. Già perchè Maria è la nipote dell’ex Presidente della Federazione Russa Boris Eltsin, deceduto nel 2007. Il giocatore è già rassegnato al fatto che riceverà una sanzione da parte del club: “Non penso a nulla e accetto la situazione“. Maria chiama, la famiglia Eltsin chiama, Fedor…risponde.