Home » Borussia Mönchengladbach, sagome degli abbonati in curva
News

Borussia Mönchengladbach, sagome degli abbonati in curva

Lo scorso 13 marzo la Federazione tedesca ha sospeso la Bundesliga a causa della diffusione del Coronavirus. L’obiettivo era e rimane quello di portare a termine la stagione entro l’estate per evitare soprattutto conseguenze economiche ad alcuni club. E in Germania, così come negli altri paesi europei, si discute proprio in questi giorni sulla possibilità o meno di un ritorno in campo. Nel frattempo i club sono tornati ad allenarsi. I giocatori vanno in campo in piccoli gruppi, tenendo una distanza di un metro e mezzo, vietate le strette di mano e gli abbracci, in campo invece lavoro fisico a distanza di sicurezza, pallone tra i piedi, ma nessun contrasto. I tifosi invece aspettano con ansia il ritorno del campionato, ma c’è chi non rimane con le mani in mano come i supporter del Borussia Mönchengladbach

Borussia Mönchengladbach, sagome degli abbonati in curva

Nel paese tedesco la stagione potrebbe ripartire già il 9 maggio anche se la Federazione non ha escluso un ritorno in campo già per il 2 dello stesso mese. Naturalmente si giocherà a porte chiuse, ma i tifosi del Gladbach non vogliono lasciare la loro squadra completamente sola. Parteciperanno così alla partita, o meglio, non loro ma le loro sagome. I tifosi del club tedesco hanno infatti ideato un’app per creare le loro effigi a grandezza naturale da installarle allo stadio. Le sagome saranno prodotte da due piccole aziende a Mönchengladbach, chiuse a causa della crisi del coronavirus. I fan della squadra, che attualmente è quarta in classifica, possono acquistare una sagoma di cartone con la loro faccia per soli 19 euro

L’iniziativa partirà il prossimo giovedì e i tifosi cartonati saranno posizionati nelle loro postazioni prima del ritorno in campo. Potranno così partecipare, virtualmente, a tutte le  partite del Borussia-Park, come spiega anche il gruppo Fanprojekt Mönchengladbach: “Saremo il primo club a dare un po’ di vita allo stadio e garantire la presenza dei tifosi, anche se in realtà saremo obbligati a seguire le partite da casa. Per la prima partita in casa senza pubblico, ci assicureremo che le effigi siano posizionate esattamente dove sono i fan”.