Home » 18 maggio ripresa allenamenti serie A, ma Spadafora frena sulle partite. Intanto arrivano i bonifici agli sportivi
News

18 maggio ripresa allenamenti serie A, ma Spadafora frena sulle partite. Intanto arrivano i bonifici agli sportivi

Ieri sera il premier Giuseppe Conte, tra le varie cose, ha parlato anche della ripresa degli allenamenti di serie A indicata per il giorno 18 maggio. Sulla ripartenza del campionato, invece, non ci sono ancora date. A rafforzare il concetto del presidente del consiglio, ieri sera ha parlato anche il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Ripresa allenamenti serie A ma non si sa quando il campionato

“Riceviamo pressioni – ha detto Spadafora a Che Tempo che fa su Rai 2 – dalla Lega calcio di serie A, ma il fatto che non abbiamo ancora garantito una data per il ritorno del campionato è perché non possiamo ancora stabilirlo con certezza, non perché non siamo in grado di decidere. Ci è stato fornito un protocollo per la ripresa dalla squadre di A, che però i membri del comitato tecnico-scientifico hanno giudicato ancora non sufficiente. Necessita di approfondimenti, che verranno fatti nei prossimi giorni e in base ai quali ci regoleremo. Ma figuratevi se io voglio boicottare il campionato di calcio. Lo sport non è solo il calcio, e il calcio non è solo la serie A. Ho chiesto un incontro domani pomeriggio con il comitato tecnico-scientifico per ipotizzare e leggere tutti i protocolli che possono essere attivati nelle prossime settimane per tutti gli sport”.

Spadafora ha poi precisato che anche gli sportivi dilettanti e i professionisti di base riceveranno gli ammortizzatori sociali: “La prima buona notizia è che da domani la società Sport e Salute sarà in grado di emettere i primi 27mila bonifici ai lavoratori del mondo dello sport. Ci abbiamo messo più tempo rispetto a quelli dell’INPS perché tutto questo mondo che dovrà essere poi riorganizzato con una legge più complessa, non ha tutele per tutti i lavoratori dello sport. Non c’era nessuna garanzia prevista nel Decreto di marzo, abbiamo inserito una norma per loro per estendere il bonus dei 600 euro anche a loro. Tutti coloro che hanno fatto domanda a Sport e Salute riceveranno il bonus. Inoltre, questa settimana sarò attivo presso l’Istituto per il Credito Sportivo un fondo di 100 milioni di euro per tutte le associazioni e le società dilettantistiche che potranno accedere per un finanziamento. Tante piccole e medie imprese che non possono avere altra agevolazione“.