Home » Rooney e il talento sprecato di Morrison: “Meglio di Pogba”. E lui si dispera…
News

Rooney e il talento sprecato di Morrison: “Meglio di Pogba”. E lui si dispera…

Ci sono tante storie di calciatori che non hanno rispettato le aspettative createsi intorno a loro. Quei giocatori che “avrebbero potuto se solo avessero voluto…”. Ravel Morrison incarna perfettamente questa tipologia di calciatore. Nei giorni scorsi Wayne Rooney e Rio Ferdinand hanno parlato di Morrison e del suo enorme potenziale sprecato. E lui ha risposto a quelle dichiarazioni.

Quando vidi Ravel Morrison pensai che avesse tutto il necessario per un giocatore del suo ruolo. Fece tre tunnel a Vidic in un minuto in una partita di allenamento. Poi però ha lottato con il suo stile di vita e il suo ambiente, è stato triste per lui. Perché ho visto diventare grandi Pogba, Lingard e altri giocatori. E Ravel era meglio di chiunque altro per distacco“. Parole di elogio per Morrison di Wayne Rooney nella sua rubrica del Sunday Times. Questo il pensiero dell’ex attaccante della Nazionale inglese su uno dei talenti più fulgidi di quel Manchester United che vinse la Fa Cup Youth nel 2012. Un talento mai esploso, per colpe esclusivamente sue. Anche Rio Ferdinand nei giorni scorsi ha fatto eco al suo ex compagno: “Con una guida appropriata Ravel sarebbe tranquillamente diventato un giocatore da 100 milioni di sterline“. Le cose però, sono andate decisamente in maniera diversa.

La peregrinazione di Morrison, tra eccessi e talento sprecato

Dieci club diversi in otto anni. Da quando cioè nel 2012 venne scaricato dallo United. I Red Devils ne avevano abbastanza del carattere irrequieto di quel ragazzo fenomenale che stava sprecando il suo enorme potenziale. Morrison evitò per un pelo la prigione nel 2011 dopo aver minacciato una vittima di rapina nel tentativo di impedire che egli testimoniasse contro alcuni suoi amici. Poi varie denunce per maltrattamenti dall’ex ragazza, tra cui una per il lancio del telefono di lei da una finestra. Da quel 2012 tre anni e mezzo al West Ham con i prestiti al Birmingham, al Qpr e al Cardiff. Poi la Lazio, con Tare che aveva fiutato il colpo a parametro zero. Un colpo fallito, con la società biancoceleste che mandò il centrocampista in prestito prima di nuovo al Qpr poi addirittura in Messico all’Atlas. Quindi un passaggio in Norvegia all’Ostersund e infine il ritorno in Inghilterra al Middlesborough, nel quale è in prestito dallo Sheffield United fino a fine stagione. In tutto questo peregrinare pochi acuti (tranne che nelle prime stagioni inglesi), poco impegno, e tante delusioni.

Il commento di Morrison alle parole di Rooney e Ferdinand

Morrison ha risposto alle parole dei due grandi del calcio inglese, dichiarando a TalkSport: “Ovviamente sono commenti fantastici, specialmente da un giocatore come Rooney. Probabilmente è uno dei migliori calciatori inglesi di ogni tempo, quindi sono commenti di alto livello da un giocatore di alto livello. Mi fa arrabbiare il fatto che avrei potuto fare decisamente di più. Anzi avrei dovuto fare decisamente di più. Ci spero ancora. In quanto a Pogba e Lingard, penso siano entrambi grandi giocatori. Avevamo una grande squadra noi nati intorno agli anni ’90 e ’93. Sapevo di avere qualità, ma non mi rendevo conto e semplicemente non capivo… A quei tempi non riuscivo a capire i consigli di questi giocatori di alto livello. Andavo solamente lì perchè amo giocare a calcio“. Storia di un talento sprecato. Anche se a 27 anni Ravel avrebbe ancora il tempo per rimettersi in gioco, per l’ennesima volta. Magari spronato da questi elogi.