Home » Walker da record, viola la quarantena per tre volte in 24 ore
News

Walker da record, viola la quarantena per tre volte in 24 ore

Kyle Walker potrebbe vincere il titolo di “covidiota” dell’anno, termine utilizzato dai media inglesi per indicare chi viola la quarantena. Non è la prima volta che il difensore del Manchester City e dell’Inghilterra balza alle cronache per non aver rispettato le restrizioni governative. Qualche settimana fa aveva infatti organizzato un festino con due escort a casa sua, ma non solo. Negli stessi giorni era stato anche ripreso dalla polizia mentre chiacchierava in strada con il vicino di casa Wayne Rooney. Ma ora il giocatore batte ogni record e viola la quarantena per ben tre volte in sole 24 ore. Il ventinovenne, che si era scusato per non aver precedentemente rispettato il lock down, dovrà ora giustificare anche queste uscite non necessarie. Continuerà inoltre a collezionare multe, non solo dalla polizia, ma anche dal club. 

Walker viola la quarantena per tre volte in 24 ore

Ma cos’ha combinato questa volta? Mercoledì pomeriggio Walker lascia la sua casa di Prestbury, nel Cheshire, e percorre circa 70 km, fino alla casa di sua sorella Laura a Rotherham, nel South Yorkshire. Il difensore rimane in quella casa per quattro ore e partecipa a una festa di compleanno con un gruppo di amici. Dopodiché riprende la sua auto e guida per altri 15 km, fino alla casa dei suoi genitori a Sheffield. Walker rimane con loro per 30 minuti prima di far ritorno a casa. Ma non è finita qui. La mattina seguente va a casa di un amico e, insieme, escono per un giro in bicicletta. Una fonte ha confidato al Sun: “È un idiota, puro e semplice. Quante volte deve essere beccato prima che il messaggio arrivi? Non è migliore di chiunque altro. Spero che la polizia ora agisca contro di lui“. 

Il Regno Unito è diventato ormai il paese europeo più colpito dalla pandemia. Il numero dei contagi e dei morti non sembrano diminuire e le restrizioni del governo sono ancora in vigore. Alla nazione è stato ripetutamente detto di restare a casa per proteggere il servizio sanitario nazionale e per salvare vite umane, un messaggio che è stato anche diffuso dallo stesso Walker. Ora il giocatore rischia una multa di mille sterline dalla polizia, ma anche una sanzione molto più pesante dal club.