Home » Il giudizio di Liam Gallagher sulla nuova maglia del City: “Mandate il responsabile a Wuhan”
News

Il giudizio di Liam Gallagher sulla nuova maglia del City: “Mandate il responsabile a Wuhan”

Il sito specializzato Footyheadlines.com ha svelato la nuova terza maglia del Manchester City, e Liam Gallagher, tifoso d’eccezione dei Citizens ha espresso il suo giudizio non propriamente favorevole. Con la sfrontatezza e la schiettezza che lo ha sempre contraddistinto.

Una reazione a dir poco esagerata quella dell’ex frontman degli Oasis Liam Gallagher, grande tifoso del Manchester City, alla visione della nuova terza maglia della sua squadra del cuore. Il sito specializzato Footyheadlines.com, sempre ben informato in anticipo sui kit delle formazioni, ha svelato la terza maglia dei Citizens: una divisa dal design sgargiante damascato e dai colori vivaci che ha già ricevuto più di qualche critica dai fan. Critiche comunque più pacate e meno infelici di quella espresa dal più giovane dei fratelli Gallagher su Twitter. Un tweet al veleno che è stato poi cancellato, ma che come sempre, non è sfuggito agli occhi sempre attenti del web.

Questa la terza maglia svelata da Footyheadlines.com:

Liam Gallagher contro i responsabili della terza maglia del City

Un tweet con un bersaglio più che nitido, ossia i creatori della nuova terza maglia del City: “Chiunque sia il responsabile per quella nuova maglia del Man City sia messo sul prossimo volo per Wuhan e chiunque la comprasse sia piazzato sul volo successivo, c**** dovreste saperlo“, recita il post molto poco politicamente corretto. Un’uscita sfrontata e senza mezze misure e sicuramente molto poco felice. Ovviamente il tweet, poi rimosso, ha scatenato la reazione scioccata dei tabloid inglesi, da sempre pronti a puntare il dito contro l’ex frontman degli Oasis. Un commento che non è passato inosservato dunque, tra i tanti commenti negativi dei tifosi Citizens. Critiche comunque sicuramente più pacate di quelle di Liam Gallagher. Tra queste il Mirror ne cita una in particolare: “Ogni volta che vedo uno di questi design hipster, maledico il giorno in cui abbiamo firmato il contratto con Puma“.