Home » Aue, Nazarov infrange il regolamento e festeggia con un abbraccio. Ma il motivo…
News

Aue, Nazarov infrange il regolamento e festeggia con un abbraccio. Ma il motivo…

Dimitrij Nazarov, attaccante dell’Aue Erzgebirge, club che milita nella Zweite Bundesliga, venerdì ha infranto Il regolamento anti Covid festeggiando con un caloroso abbraccio il goal del vantaggio dei suoi nella sfida poi pareggiata 1-1 in casa del Norimberga. Il motivo di queste “trasgressione” però è molto particolare.

Un abbraccio di cui non ha proprio potuto fare a meno. È quello di cui si è reso protagonista l’attaccante dell’Aue Erzgebirge Dimitrij Nazarov dopo aver segnato il goal del vantaggio dei suoi in trasferta sul campo del Norimberga. Una partita terminata poi 1-1. Festeggiando la sua rete l’attaccante è corso verso un dipendente del club investendolo con un caloroso abbraccio. Un abbraccio con cui l’azero dell’Aue Nazarov infrange il ferreo regolamento tedesco che vieta assolutamente le esultanze di gruppo, concedendo al massimo dei colpi di gomito o dei pugnetti. Ma il motivo di quell’abbraccio è molto particolare e lo ha spiegato lo stesso Nazarov nel postpartita.

Aue, Nazarov infrange il regolamento anti Covid

Nazarov è corso ad abbracciare Thomas Romeyke, l’autista del bus che aveva condotto la squadra allo stadio del Norimberga. L’attaccante ha spiegato: “È semplice, ci ha salvato la vita. Se non avesse reagito così velocemente, chissà cosa sarebbe successo“. Già, perchè percorrendo la strada verso lo stadio, come spiegato dall’allenatore dell’Aue Schuster, dei pezzi di un auto che precedeva il bus sono letteralmente volati contro il parabrezza del mezzo, rompendolo. Lo stesso allenatore si è ritrovato completamente coperto di vetri. Fortunatamente l’agenzia di stampa DPA ha riferito che nessuno a bordo dell’autobus della squadra è rimasto ferito, sebbene due persone della macchina siano state portate in ospedale con gravi ferite. La squadra ha poi raggiunto lo stadio dividendosi in diverse macchine. Nazarov ha dichiarato di sperare che la Lega Tedesca chiuda un occhio sull’accaduto, data la particolarità del motivo del gesto.