Home » Djibril Cissé disperato: “Gioco anche gratis ma vi prego fatemi togliere questa ossessione”
calciomercato

Djibril Cissé disperato: “Gioco anche gratis ma vi prego fatemi togliere questa ossessione”

Djibril Cissé vuole tornare a giocare e lancia un appello al Nimes e al Dijon. L’ex Lazio ha un obiettivo ben preciso: tornare in campo e raggiungere quota 100 gol in Ligue1. Poco importa se tra qualche mese spegnerà 39 candeline, l’attaccante è disposto a tutto pur di realizzare il suo sogno. Il francese, con un passato anche al Liverpool, aveva appeso gli scarpini al chiodo nel 2015 nel Saint-Pierroise. Dopo due anni di inattività, però, ci ripensa e decide di tornare a giocare, inizia così la sua avventura al club svizzero dell’ Yverdon-Sport Football Club. Avventura che dura una sola stagione. Si ritira nuovamente ma, dopo il secondo ritiro, arriva anche il secondo ripensamento. Cissè vuole tornare in campo ed è disposto a tutto, come dichiarato nei giorni scorsi a So Foot, anche a giocare gratis:

Djibril Cissé, oggi trentottenne, vuole tornare a giocare e lancia un appello

“Noi attaccanti adoriamo i goal: prima 25, poi 50, 75. L’obiettivo dei 100 è come un’ossessione, mi perseguita. Io sono rimasto fermo a 96. Me ne mancano solo quattro e questa situazione la vivo malissimo, mi fa impazzire. Vorrei tornare in un club di Ligue 1 per potere segnare quelle 4 reti. Se qualcuno mi chiamasse e mi desse questa opportunità sono sicuro che riuscirei a segnare e raggiungere il mio obiettivo nel giro di pochi mesi. Sono pronto a giocare gratuitamente, quindi non ci sarebbe alcun rischio per la squadra che punterebbe su di me”.

Nessun club, a quanto sembra, ha accolto il suo appello. L’ex Lazio allora, tramite l’emittente Europe 1, si rivolge direttamente a due società della Ligue1: il Nimes, squadra nella quale è cresciuto, e il Dijon, per la quale nutre un grande rispetto: “ Prima dell’Auxerre ho iniziato la mia carriera al Nimes. Sarebbe la chiusura di un cerchio. Ho grande rispetto anche per il Dijon. Da parte loro sarebbe un grande gesto”.