Paradosso De Sciglio: criticato dagli juventini, ambito da Barcellona e Psg
Home » Paradosso De Sciglio: criticato dagli juventini, ambito da Barcellona e Psg
calciomercato

Paradosso De Sciglio: criticato dagli juventini, ambito da Barcellona e Psg

A 27 anni Mattia De Sciglio può essere ormai considerato una promessa non mantenuta. Cresciuto nelle giovanili del Milan, nel 2017 si è trasferito alla Juventus fortemente voluto da Max Allgri. Soltanto 20 presenze il primo anno bianconero, meglio nel secondo con 28 presenze totali, mentre quest’anno è stato usato col contagocce da Maurizio Sarri. Eppure radio mercato parla di top club interessati a lui come Barcellona e Psg.

De Sciglio uomo mercato di Barcellona e Psg

Quando il 28 settembre 2011, Allegri faceva esordire in prima squadra il 18enne Mattia De Sciglio in una gara di Champions League, tutti parlarono del futuro perno di destra del Milan. Addirittura venne accostato a Paolo Maldini, con tanto di elogio in diretta tv di Prince Boateng: “Lui è troppo forte, è il migliore terzino in Italia”. Poi nel 2013, l’anno che sarebbe dovuto essere della consacrazione, si rivela negativo, pieno di infortuni, col suo padre putativo Allegri che viene esonerato. La stagione 2014-2015 si apre con Pippo Inzaghi in panchina, che lo schiera spesso a sinistra, costringendolo a crossare col piede più debole. Desci passa dall’etichetta di “nuovo Maldini” a quella di “sopravvalutato” e iniziano i primi fischi di San Siro.

Le stagioni successive sono altalenanti, ma il suo rendimento crolla completamente sotto la guida di Montella. Emblematica la gara contro l’Empoli quando il calciatore esce dal campo inondato dai fischi dello stadio. Dopo la partita ha pure un’accesa discussione con un tifoso che sancisce la rottura totale con il popolo rossonero. Nell’estate 2017 Allegri lo chiama alla Juventus, quale migliore occasione per rilanciarsi? La sua prima in bianconero verrà ricordata per il modo in cui si fa bruciare nei minuti finali da Jordan Lukaku nella finale di Supercoppa Italiana contro la Lazio, difatti consegnando la coppa ai biancocelesti. Da una supercoppa all’altra, Desci anche nell’ultima finale è protagonista (in negativo) nell’azione che porta in vantaggio i capitolini.

Insomma, il terzino milanese, è ormai “odiato” dai tifosi bianconeri che lo dissano sui suoi canali social. Ciò nonostante si parla di un futuro al Barcellona o al Psg. Mattia potrebbe rientrare nello scambio Pjanic-Arthur di cui tanto si parla in questi giorni. D’altro canto si parla di un ritorno di fiamma dei parigini che già l’avevano cercato l’estate scorsa. Attualmente il suo valore di mercato si aggira intorno ai 10 mln. In pratica in questo momento De Sciglio è uno dei terzini con più appeal in Europa. Dite che è un paradosso?! D’altronde nessuno è profeta in patria.