Home » Costa Rica, Jonathan McDonald sponsor umano. La geniale trovata del club
News

Costa Rica, Jonathan McDonald sponsor umano. La geniale trovata del club

Jonathan McDonald scende in campo con un cognome tutto nuovo, o almeno, solo sulla maglia. Il giocatore infatti ha affrontato il Deportivo Saprissa con la scritta Burger King nel retro della maglietta. Una trovata di marketing da parte dello sponsor del club, Burger King appunto, che ha sostituito l’altrettanto ben nota catena di fast food. In Costa Rica è andato in scena nei giorni scorsi il Clasico tra Deportivo Saprissa e Alajuelense. Non una partita come le altre per il paese centroamericano, i due club sono i più titolati dello stato costaricano, ma non solo. Le formazione si contendono, infatti, anche il titolo nazionale. 

Jonathan McDonald diventa Burger King ma solo sulla maglia

La gara non ha regalato particolari emozioni e si è conclusa con un pareggio per 2-2, nonostante il Deportivo Sarpissa fosse in vantaggio di due reti. La partita, però, verrà ricordata per un solo particolare. Jonathan McDonald, attaccante dell’Alajuelense, è sceso in campo con un cognome tutto nuovo. Sulla sua maglietta infatti, nel retro, c’era la scritta Burger King. Un errore clamoroso? Non proprio. La catena di fast food infatti è sponsor del club costaricano e ha scelto di eliminare la scritta McDonald. Una grande trovata di marketing, che sottolinea ancora una volta la feroce rivalità tra le due famose catene di ristorazione fast food statunitensi. Una rivalità nata negli anni ’70, quando Burger King attaccò pubblicamente McDonald’s per le dimensioni degli hamburger. 

Ad oggi McDonald’s domina nel franchising dei fast food con 36 mila ristoranti in 120 paesi. La catena nata nel 1953 a Jacksonville, invece, conta “solamente” 18 mila ristoranti in 100 paesi diversi. Il cambio nome del calciatore costaricano creerà un’altra crepa in questo rapporto già teso tra le due catene concorrenti. Una trovata di marketing sicuramente divertente ma vietata in moltissimi paesi. In molti campionati infatti i giocatori non possono scendere in campo con un nome diverso da quello scritto sulla loro carta d’identità. Chissà cosa ne penserà la lega costaricana. 

Jonathan McDonald diventa Burger King