Home » Champions League, niente più Istanbul, la Uefa ha scelto la sede delle finali
Champions League

Champions League, niente più Istanbul, la Uefa ha scelto la sede delle finali

Si sarebbe dovuta disputare ad Istanbul la finale dell’edizione 2019-2020 della Champions League, ma il caos derivante lo stop ai campionati imposto dall’emergenza Coronavirus ha stravolto molte delle decisioni già prese dagli organi competenti. La Uefa, secondo la Bild, avrebbe scelto la nuova sede per le Final Eight della massima competizione europea.

Cambio di programma per quanto riguarda la massima competizione calcistica europea per club. La clamorosa indiscrezione arriva dalla Bild, e sarà ufficializzata in occasione dell’Esecutivo della Uefa in programma il prossimo 17 Giugno. La Federazione europea ha deciso di cambiare la sede delle finali della Champions League. Niente più Istanbul dunque, location designata precedentemente. Gli organizzatori turchi hanno infatti storto il naso davanti all’obbligo di disputare una partita così importante a porte chiuse. Da qui la necessità da Nyon di trovare un’alternativa valida. Le candidate più accreditate erano Lisbona, Francoforte e Mosca e alla fine la scelta della Uefa è ricaduta sulla capitale portoghese. Mosca, che sembrava la favorita, è stata scartata a causa dell’elevato numero di casi di Coronavirus in Russia. Francoforte potrebbe invece ospitare la fase finale di Europa League.

Champions League, cambio di sede per le finali ma con nuova formula

La fase finale dell’edizione 2019-2020 della Champions League sarà dunque spostata a più di 3.000 chilometri a ovest. Lo stravolgimento dei calendari necessario a causa dell’emergenza Coronavirus obbligherà inoltre la Uefa a cambiare storicamente la formula della competizione. Il progetto della Federazione europea è di ripartire ad Agosto completando i quattro ottavi di finale ancora in sospeso (le sfide di ritorno di Barcellona-Napoli, Manchester City-Real Madrid, Bayern-Chelsea e Juve-Lione). Le rimanenti otto squadre verranno quindi indirizzate verso Lisbona, dove si giocherà un mini torneo in gara secca. Una vera e propria Final Eight in sostanza. Svariati i motivi che hanno spinto la Uefa a scegliere la capitale lusitana come sede delle fasi finali di Champions: la presenza in città di più stadi; il fatto che nella competizione non ci sono in corsa squadre portoghesi; la situazione sotto controllo a livello di pandemia; e una fiscalità più favorevole rispetto a quella tedesca. Sarà un Agosto in cui la musichetta della Champions risuonerà di continuo. Ma solo a Lisbona…