Home » Lingard cuore d’oro, il suo contributo per il sistema sanitario
News

Lingard cuore d’oro, il suo contributo per il sistema sanitario

Jesse Lingard, come il compagno di squadra e amico Marcus Rashford, cerca di dare il suo contributo per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Solo pochi giorni fa Rashford ha annunciato di aver raccolto i fondi necessari per consentire all’associazione FareShare di servire 3 milioni di pasti a persone disagiate. Alla donazione naturalmente ha partecipato lo stesso attaccante che, da piccolo, aveva ricevuto questo tipo di aiuto. Anche il Manchester United cerca di contribuire come può. Il club ha già donato quasi 270 mila euro a enti di beneficenza globali e sta aiutando oltre 3 mila tifosi anziani o disabili. Inoltre ha ceduto le forniture mediche della società agli ospedali. Ora un altro Red Devils scende in campo contro il coronavirus e si schiera a sostegno del Sistema sanitario nazionale britannico.

Lingard cuore d’oro, il suo contributo per il sistema sanitario

Jesse Lingard, infatti, ha creato una sua linea di mascherine, le “JLingz”, che saranno vendute a circa 13€. Tutti i proventi andranno al SSN. Il campione inglese ha già un suo marchio di abbigliamento, ma ora ha scelto di fornire ai suoi fan anche delle mascherine. Queste serviranno a proteggere chiunque deciderà di acquistarle ma contribuiranno soprattutto a sostenere le strutture ospedaliere. Inoltre in Inghilterra, dal 15 giungo, sarà obbligatorio coprire naso e bocca sui mezzi pubblici. A presentare il nuovo progetto benefico è lo stesso giocatore sul proprio profilo Instagram. 

“Ciao a tutti, spero che vada tutto bene e che tutti stiate bene. Come sapete da lunedì 15 giugno, è obbligatorio che tutti indossino le mascherine sui mezzi pubblici. Quindi ho deciso di creare queste maschere facciali, le JLingz, per proteggere te e gli altri. Naturalmente, tutti i proventi andranno al SSN, per continuare a supportarli per ciò che stanno ancora facendo. Stanno facendo un ottimo lavoro e questo è un piccolo ringraziamento da parte mia. Quindi restate tutti al sicuro là fuori. Vi voglio bene, Jesse“.