Home » Il West Ham vince la battaglia…delle bolle di sapone
News

Il West Ham vince la battaglia…delle bolle di sapone

“I’m forever blowing bubbles, pretty bubbles in the air”… risuona dagli altoparlanti del London Stadium, come risuonava prima ad Upton Park, all’inizio di ogni partita del West Ham. È il famoso inno degli Hammers, uno dei più conosciuti al mondo. Coreograficamente, il club della parte est di Londra soffiava bolle di sapone sul campo con una speciale macchina, come dice il testo della canzone. Ma con le restrizioni da Coronavirus, quelle bolle hanno rischiato di sparire.

Le partite casalinghe del West Ham sono sempre un vero spettacolo, al di là dei risultati deludenti delle ultime stagioni. Soprattutto di quella in corso. Gli Hammers, guidati da Pellegrini prima e da Moyes poi, sono in piena lotta retrocessione, attualmente salvi solo in virtù della differenza reti favorevole. Il club della zona est di Londra tornerà in campo sabato pomeriggio quando in Inghilterra sarà più o meno l’ora del tè (17:30) per un’importante sfida contro il Wolverhampton. L’atmosfera che si vive all’interno dello stadio del West Ham (anche se ad Upton Park era tutta un’altra cosa… ndr) è da brividi, soprattutto quando ad inizio partita risuona il famoso inno “I’m forever blowing bubbles“. Proprio mentre viene suonato l’inno del West Ham, e quando la squadra di casa va in goal, una speciale macchina soffia migliaia di bolle di sapone sul campo. Una consuetudine che, a causa del Coronavirus, rischiava di essere sospesa.

Il West Ham avrà le sue bolle di sapone

Si temeva infatti che agli Hammers non fosse consentito utilizzare la macchina a causa delle rigide regole del protocollo anti Covid-19 dettate da Governo e Federazione inglese per la ripartenza. Secondo quanto riporta il Sun però, il club ha ricevuto il via libera dalla Premier League per continuare a usare la famosa macchina delle bolle. Questo dopo fitti colloqui tra club e organizzatori della lega. La macchina viene normalmente posizionata sulla linea laterale, in un’area in cui adesso potranno accedere solo 105 persone, inclusi giocatori e allenatori. Anche se i tifosi non saranno presenti, il club ha anche avuto l’ok per riprodurre musica, quindi allo schieramento delle squadre la tradizione dell’inno continuerà. Con la speranza, per i tifosi, che inno e bolle di sapone possano aiutare gli Hammers a rimanere in Premier.