Home » Carlo Ancelotti accusato di frode al fisco spagnolo: maxi multa in arrivo?
News

Carlo Ancelotti accusato di frode al fisco spagnolo: maxi multa in arrivo?

È di pochi minuti fa la notizia, pubblicata da As, dell’apertura di un’inchiesta nei confronti di Carlo Ancelotti, accusato di frode al fisco spagnolo. L’accusa si riferisce al periodo in cui l’attuale tecnico dell’Everton siedeva sulla panchina del Real Madrid.

Non arrivano buone notizie dalla Spagna per Carlo Ancelotti. Il popolare quotidiano sportivo As infatti ha dato notizia di una denuncia della Procura della provincia di Madrid nei suoi confronti. L’accusa è di frode al fisco spagnolo, riferita al periodo in cui l’allenatore emiliano era alla guida del Real Madrid. Secondo la Procura, negli anni fiscali 2014 e 2015, l’allenatore adesso all’Everton avrebbe omesso di pagare al fisco iberico più di un milione di euro, 1.062.079 € per la precisione. Nel 2013 Ancelotti accettò l’incarico di allenatore del Real, e per due stagioni ha mantenuto la residenza in Spagna. In quelle due stagioni, l’allenatore ha firmato due contratti con i Blancos, uno corrispondente al suo rapporto di lavoro e l’altro relativo al trasferimento dei suoi diritti d’immagine. Tuttavia la Procura sostiene che il tecnico non avrebbe pagato le tasse corrispondenti alle sue entrate.

Frode al fisco spagnolo: Ancelotti nei guai?

La denuncia indica che, al fine di nascondere la sua identità, l’allenatore italiano avrebbe utilizzato una complessa rete di società con sede in alcuni paradisi fiscali, allo scopo di impedire all’Agenzia delle Entrate di conoscere il beneficiario dello sfruttamento dei diritti di immagine. Un’accusa ovviamente tutta da dimostrare, ma comunque una brutta gatta da pelare per l’ex allenatore, tra le altre, di Juventus, Chelsea, Bayern Monaco e Napoli. Il tecnico non è il primo nome noto coinvolto in casi di frode fiscale: l’ultimo in ordine di tempo è stato l’attaccante dell’Atlètico Madrid Diego Costa, costretto a pagare una mega multa di risarcimento. Chissà dove sarà arrivato il sopracciglio del buon Carletto dopo la notifica della denuncia…