Gesto nobile di Tevez, prolunga con il Boca ma lo stipendio non andrà a lui
Home » Gesto nobile di Tevez, prolunga con il Boca ma lo stipendio non andrà a lui
News

Gesto nobile di Tevez, prolunga con il Boca ma lo stipendio non andrà a lui

Carlos Tevez prolunga il suo contratto con il Boca Juniors fino a dicembre 2020. Il giocatore però si rende protagonista anche di un nobile gesto. L’argentino infatti ha deciso di donare il proprio stipendio in beneficenza per aiutare i più bisognosi in questo periodo di crisi causata dalla pandemia. L’Apache, dopo un paio di mesi di silenzio torna a parlare e lo fa in occasione dell’estensione del contratto con il club di Buenos Aires. Tevez, intervistato da Radio La Red, ha  confermato che indosserà ancora la maglia del Boca, ma non per un altro anno come proposto dalla società. Solamente sei mesi, poi tornerà in Europa o si ritirerà: “La mia intenzione è quella di restare al Boca, con l’obiettivo di vincere la Copa Libertadores. Il futuro? Potrei tornare per sei mesi al Corinthians o magari in Europa, al West Ham”

Tevez prolunga con il Boca, ma lo stipendio non andrà a lui

Tevez ha chiesto però al club la possibilità di devolvere tutto il suo compenso, fino alla fine dell’anno, in beneficenza: In questa pandemia le persone soffrono per la mancanza di lavoro. E io, con la mia famiglia, ho deciso di donare l’ingaggio previsto dal contratto ad un’associazione senza scopo di lucro. I soldi andranno dove serviranno. Abbiamo deciso che questo è un bene e può aiutare molte famiglie. In città ho tanti amici, penso che la gente del Boca si sentirà identificata in questo gesto. Il mondo è cambiato, non solo il calcio. Sarebbe egoistico pensare solo a noi. I soldi saranno ovviamente destinati all’acquisto di vaccini per le popolazioni più povere o alle mense per i più bisognosi”. Un gesto davvero nobile per l’ex Juventus, che pensa anche a un ritorno al Boca ma in altra veste. 

Tevez infatti non esclude la possibilità di poter tornare da tecnico o da dirigente: “Più avanti vedrò come  aiutare il club, se da tecnico o da dirigente. Ora però non è il momento di pensarci, è il momento di allenarsi. Cercheremo di lasciare il Boca più in alto possibile. Questo è il mio desiderio, è quello a cui penso in questi mesi. Poi magari mi renderò utile in qualche altro modo”.