Home » Influencer arrestato, ha tentato di rubare denaro a club di Premier League
News

Influencer arrestato, ha tentato di rubare denaro a club di Premier League

Un club di Premier League è coinvolto in una strana storia di frode e riciclaggio. Tutta colpa del celebre influencer di Instagram Ramon Abbas, meglio noto come Ray Hushpuppi. Il 37enne è stato arrestato a Dubai il mese scorso, dopo una lunga indagine dell’FBI. L’uomo è stato poi trasferito negli Stati Uniti ed è già apparso davanti a un giudice a Chicago. Hushpuppi amava sfoggiare la sua ricchezza sul famoso social network, le sue foto infatti ritraevano principalmente lui accanto ad auto di lusso e jet privati. Ma gli investigatori, dopo diversi mesi di indagine, hanno capito che questo stile di vita era finanziato da attività criminali. L’uomo, inoltre, stava per rubare 100 milioni di sterline anche a un importante club della Premier League

Influencer arrestato, ha tentato di rubare denaro a club di Premier

L’FBI è riuscita a tracciare i movimenti dell’influencer grazie alla sue attività online, come ha confermato anche il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nei documenti giudiziari: “Abbas mantiene account sui social media che spesso lo hanno mostrato in abiti firmati, indossando orologi costosi e posando in o con auto di lusso e jet charter. L’indagine dell’FBI ha rivelato che Abbas finanzia questo stile di vita opulento attraverso il crimine“. Hushpuppi, come riporta il Sun, è accusato di riciclaggio di milioni di dollari ma anche di aver violato e-mail aziendali e di aver ingannato diverse persone per trasferimenti di denaro. Il piano criminale però non si fermava qui.

Il 37enne stava per rubare 100 milioni di sterline a un club di Premier League non ancora identificato: “Abbas e altri hanno cospirato per riciclare centinaia di milioni di dollari da piani fraudolenti e intrusioni informatiche, incluso un piano per rubare 100 milioni di sterline da una squadra di calcio della Premier League inglese”. Hushpuppi che sui social media ha un seguito di 2,4 milioni di follower, in caso di colpevolezza, rischia una reclusione di 20 anni.