Home » Pereira, chiede aiuto per Call of Duty ma viene attaccato dagli haters
News

Pereira, chiede aiuto per Call of Duty ma viene attaccato dagli haters

Cosa fanno le stelle della Premier League durante il tempo libero? I giocatori si dividono tra hobby, famiglia e divertimenti. Il centrocampista Andreas Pereira gioca a Call of Duty, ma negli ultimi giorni ha avuto qualche problema con il videogioco. Il 24enne ha chiesto così aiuto ai suoi follower su Twitter, ma invece di ricevere dei suggerimenti è stato inondato dalle critiche degli haters. Alcuni tifosi Red Devils infatti hanno approfittato della situazione per criticare il suo scarso rendimento. Pereira però non si è demoralizzato e, come riporta il Sun, ha risposto a tono agli attacchi.

Pereira, chiede aiuto per Call of Duty ma viene attaccato dagli haters

Il brasiliano firma per il Manchester United nel 2011, ma gioca la sua prima partita da professionista solo nel 2014. Dopo i prestiti al Granada e al Valencia, torna nel Regno Unito ma, durante questa stagione, è stato messo ai margini da Ole Gunnar Solskjaer, soprattutto a seguito della rapida ascesa di Bruno Fernandes. E alcuni haters, dopo un tweet postato dal giocatore, non perdono occasione per sottolineare il suo scarso rendimento. Pereira, infatti, nei giorni scorsi ha chiesto aiuto ai suoi follower per un problema riguardante il videogioco Call of Duty, ma ha ricevuto più critiche che suggerimenti. “Server di Warzone: cosa succede?” chiede il Red Devils, ma i follower non rispondono esattamente alla sua domanda. 

“Forse va come te in campo”, suggerisce un utente. Ma non è l’unico ad attaccare  il 24enne, c’è anche chi rincara la dose: “Troppo rumore per un giocatore che ha giocato in 8 posizioni diverse e non è servito a nulla in nessuna di queste. Spero aiuti”. Pereira non si lascia demoralizzare dall’attacco di qualche tifoso dello United. Mette in pausa Call of Duty e comincia a rispondere alle critiche: “Non importa a nessuno di cosa twitti”. Il suo tweet ha ricevuto circa 7mila mi piace, ma continuano comunque a piovere critiche dai supporter Red Devils. La sua esperienza a Manchester sembra sia quasi giunta al termine, il centrocampista piace a diversi club inglesi e potrebbe presto lasciare la squadra di Solskjaer.