Home » Maradona, nuova Bmw da 200mila euro ma con optional illegali (VIDEO)
News

Maradona, nuova Bmw da 200mila euro ma con optional illegali (VIDEO)

Maradona ha da poco aggiunto una nuova macchina al suo parco auto. Una  BMW M4 F82 dal valore di circa 200mila euro, un gioiellino con oltre 400 cavalli, sette velocità e la possibilità di arrivare da 0 a 100 chilometri orari in soli 4 secondi. L’ex attaccante ha aggiunto tutti gli optional possibili, anche quelli illegali. Ad inchiodare l’argentino è un video pubblicato sui social in cui si vede la sua nuova auto dotata di luci e sirene, in dotazione esclusivamente alla polizia. La clip risale a prima della quarantena ma è venuto alla luce solo ora, diventando subito virale. Nel video, trasmesso dal quotidiano Hoy de La Plata, il tecnico arriva al centro di formazione Estancia Chica del Gimnasia alla guida della sua BMW con l’illuminazione blu e la sirena accesa. 

Maradona, nuova Bmw da 200 mila euro ma con optional illegali

L’equipaggiamento di luci e sirene, in Argentina così come in moltissimi paesi al mondo, è riservato esclusivamente ai veicoli della polizia o ai soccorritori. Nello stato sudamericano, gli articoli 32 e 61 della legge nazionale sul traffico regolamentano proprio questo aspetto. Il video è ora al vaglio delle autorità competenti. La leggenda del calcio, in passato, aveva già sorpreso i suoi compagni di squadra del Boca Juniors arrivando a una sessione di allenamento a bordo di uno spettacolare camion di marca Scania, mentre in altre occasioni si è presentato con Ferrari o altri veicoli di lusso. Ma questa volta, così come molte altre volte in passato, Maradona ha superato i limiti e dovrà vedersela con le autorità. 

https://twitter.com/diariohoynet/status/1282132970145550336

L’argentino, in questi giorni, era già sotto i riflettori per un altro episodio. Matias Morla, avvocato del 59enne, ha infatti annunciato che l’ex campione avrebbe intenzione di far causa a Paolo Sorrentino e Netflix per un uso improprio della sua immagine, sfruttata senza permesso del diretto interessato. Il regista italiano infatti, a inizio mese, ha confermato il suo prossimo impegno cinematografico: “È stata la mano di Dio”. Un chiaro riferimento a la Mano de Dios, il fallo di mano compiuto dal campione nei quarti di finale dei Mondiali del 1986.