Home » Due positivi al Covid in campo: partita interrotta dall’esercito (VIDEO)
News

Due positivi al Covid in campo: partita interrotta dall’esercito (VIDEO)

Dopo più di quattro mesi di interruzione, il calcio marocchino è tornato con l’obiettivo di portare a termine la stagione. Le cose, però, in una partita della Botola 2, seconda divisione del campionato marocchino, non sono andate come previsto. La gara infatti è stata interrotta dall’esercito per la presenza di due giocatori positivi al Covid in campo. Sembra quasi una sceneggiatura di un film ma è tutto vero. Nel bel mezzo del match sono arrivati i risultati dei test: due giocatori sono risultati positivi al Coronavirus. Le forze armate hanno così eseguito un ordine del Ministero della salute del paese e hanno bloccato la partita.  

Due positivi al Covid in campo: partita interrotta dall’esercito

È il minuto 23 del primo tempo del match tra Wydad Temara e KAC Kénitra. I padroni di casa stanno vincendo 1-0. Un risultato importante per evitare la zona retrocessione. Peccato però che il match venga sospeso. Inaspettatamente infatti l’esercito entra in campo, parla con l’arbitro a cui consegna anche un documento e dopo pochi minuti questo interrompe definitivamente il gioco. Le due squadre, prima del match, si erano sottoposte ai test per il Coronavirus, come dettato sia dal Ministero della salute del paese sia dalla Federazione. I risultati dell’esame però non sono stati comunicati tempestivamente e sono arrivati solamente a gara iniziata: due giocatori della squadra ospite sono risultati positivi. L’incontro è stato interrotto.

Il documento consegnato al direttore di gara, come riportano i media locali, era una nota del Ministero della salute che chiedeva un’interruzione della partita perché la squadra ospite, KAC Kenitra, aveva due casi confermati di Covid-19 che non erano stati rivelati alle autorità calcistiche in tempo. Ora sarà la Royal Moroccan Football Federation a stabilire il destino del match. La lega marocchina è ripresa la scorsa settimana dopo circa 4 mesi di sospensione a seguito della pandemia, che ha causato 346 morti nel paese.