Home » Real Madrid, Zidane mette la parola fine alla querelle con Bale
News

Real Madrid, Zidane mette la parola fine alla querelle con Bale

È stato uno dei casi più chiacchierati della stagione, soprattutto nel periodo post-Covid. Gareth Bale ha trovato pochissimo spazio nella sua settima stagione con la maglia del Real Madrid. Uno degli acquisti più esosi della storia dei Blancos relegato ad un ruolo marginale tra panchina e tribuna. In una stagione, aspettando il ritorno di Champions contro il Man City, fin qui trionfale per le Merengues. Si è parlato spesso di problemi con il tecnico Zidane, che molte volte è stato interpellato in merito dai media. L’allenatore francese ha cercato di mettere la parola fine ad una storia che lo sta leggermente stufando…

31 anni e ancora due di contratto, ma un rapporto con l’ambiente che si è ormai rotto e con tutta probabilità in maniera insanabile. È la storia d’amore (e di odio) tra Gareth Bale ed il Real Madrid. Una storia che dopo 7 anni di grandi picchi e alcuni profondi bassi sembra proprio essere giunta al capolinea. Il gallese dopo la ripartenza post-Covid non è mai praticamente sceso in campo e si è fatto notare più per alcuni atteggiamenti bizzarri in panchina che per le giocate nel rettangolo di gioco. I giornalisti spagnoli hanno pressato per lungo tempo il tecnico delle Merengues Zinedine Zidane affinchè spiegasse la problematica alla base delle tante esclusioni di Bale. Il tecnico francese ha sempre ribadito come non esistesse alcun tipo di dissidio e come la scelta fosse puramente tecnica. All’ennesima domanda sull’argomento, in occasione della conferenza alla vigilia del ritorno di Champions contro Il Manchester City, l’ex Pallone d’Oro ha tentato di mettere un punto alla questione.

Zidane-Bale, amore al capolinea

Il mancino gallese non è stato nemmeno inserito nell’elenco dei convocati per l’importantissima sfida in programma domani all’Etihad. “L’unica cosa da dire – ha riferito Zidane in conferenza – è che ha preferito non giocare“. Poi ha continuato: “Il resto rimane tra me e lui. Ho spiegato qual è la situazione e non voglio aggiungere altro. Non è ferito. Rispetto lui e tutti gli altri giocatori. Le cose che accadono nello spogliatoio restano lì“. Poi sul futuro il tecnico francese è rimasto vago: “È un giocatore attuale del Real Madrid. Lo rispetto“. Ci sarebbe dunque una precisa richiesta di Bale alla base della mancata convocazione per la trasferta in terra inglese. Una richiesta che conferma, se davvero ce ne fosse stato ancora bisogno, che il futuro dell’esterno è sempre più lontano da Madrid.