Home » Verhagen in prigione, 15 mesi per il giocatore fantasma olandese
News

Verhagen in prigione, 15 mesi per il giocatore fantasma olandese

Bernio Jordan Enzo Verhagen in prigione. L’olandese, che ha firmato contratti in Moldavia, Sudafrica, Cile e Danimarca è stato dichiarato colpevole di frode, aggressione, rapina, coercizione illegale, minacce e fuga dalla polizia. Il 26enne è stato condannato a 15 mesi di reclusione e all’espulsione dalla Danimarca. Sarà inoltre tenuto a pagare un’ingente multa per aver truffato diversi club in più continenti. Verhagen si è spacciato per un calciatore professionista, ma in realtà non ha mai giocato un minuto. 

Verhagen in prigione, 15 mesi per il giocatore fantasma olandese

Il tutto, come spiega Vice, ha inizio grazie a un video su YouTube in cui il ragazzo si distingue per delle giocate importanti. Bernio, come riporta anche Transfermarkt, nel lontano 2009 ha già giocato nelle giovani del Willem II. Ma dieci anni dopo arriva un’ottima opportunità, il trasferimento all’FC Dinamo-Auto in Transnistria, un piccolo club in uno stato separatista moldavo. In Moldavia, però, Verhagen viene coinvolto in una storia di truffe con carte di credito e dopo poco lascia il paese. Il 26enne non gioca neanche un minuto con il Dinamo. Nonostante ciò, ottiene un nuovo contratto con la squadra sudafricana dell’Ajax Cape Town, dove rimane solo un mese prima di ripartire, ancora una volta, senza giocare una partita. A quel punto, ad offrire un accordo all’olandese è il club cileno dell’Audax Italiano. Il ragazzo, però, lascia la squadra dopo pochi mesi e dopo aver collezionato zero presenze.

È l’ottobre 2019 e Bernio si mette in contatto con il Viborg FF in Danimarca, facendo credere alla società di scrivere a nome dello Stellar Group, agenzia di procuratori di Barnett, agente di Gareth Bale. Il club danese crede alla storia di Verhagen, ma per poco. L’olandese infatti si spaccia per un giocatore professionista, ma in realtà non sa giocare e il club lo denuncia per truffa. Il 26enne finisce così agli arresti domiciliari, a causa anche delle accusa di minacce, percosse e rapina nei confronti della sua ex fidanzata. Ma non è finita qui. Il professionista fantasma, durante un trasferimento, fugge con la speranza di raggiungere la Svezia, ma viene fermato in tempo. Ora, come riporta Goal, verrà espulso dalla Danimarca e tornerà nel suo paese natio per scontare 15 mesi di prigionia.