Home » Inghilterra, ragazze in hotel in Islanda: due giocatori cacciati dal ritiro
News

Inghilterra, ragazze in hotel in Islanda: due giocatori cacciati dal ritiro

I giovani debuttanti dell’Inghilterra Phil Foden e Mason Greenwood non viaggeranno insieme ai loro compagni di squadra per la trasferta in programma in Danimarca dopo che è emerso un filmato dei due ragazzi che incontrano delle ragazze nell’hotel in cui la Nazionale si trovava in ritiro in Islanda. I fatti si sono svolti dopo la vittoria della squadra allenata da Southgate per 0-1.

Due giocatori dell’Inghilterra sono stati beccati con due ragazze nell’hotel dove la squadra si trovava in ritiro in Islanda dopo la vittoriosa sfida contro la squadra nordica. Si tratta dei due debuttanti, i gioiellini delle squadre di Manchester, City e United, Phil Foden e Mason Greenwood. Una bravata che è costata alla coppia di giovani l’esclusione dalla successiva trasferta in programma in Danimarca. Incontrando le ragazze in albergo infatti, il centrocampista e l’attaccante hanno violato la quarantena e il rigido protocollo anti-Covid a cui la Nazionale doveva necessariamente attenersi. Ora Federazione Inglese sta lavorando con il Manchester United e il Manchester Cit per organizzare il viaggio di ritorno a casa il prima possibile. Intanto la polizia islandese ha multato i due per 250mila corone islandesi (circa 1550 €) per violazione delle regole durante la pandemia di coronavirus. Saranno gli stessi giocatori a dover pagare l’ammenda.

Inghilterra, Foden e Greenwood “fregati” da un video

A far scoprire la bravata dei due ragazzi terribili di Manchester, alcuni filmati emersi nelle ultime ore sui vari social media. Video che mostrano le ragazze islandesi, una modella ed una studentessa, che organizzano la serata con i due nazionali inglesi. Foden ha un figlio di due anni e una fidanzata di lunga data, mentre l’attaccante dello United Greenwood ha rotto con la sua ragazza da circa tre mesi. Lunedì in conferenza il Ct Southgate ha parlato della questione: “Sono un padre con bambini, giovani adulti, so che le persone sbagliano. Però in questo caso non ci sono scuse. Dovrò cercare di parlare con i ragazzi più tardi nel modo appropriato. Hanno delle responsabilità e si sono scusati“. Foden e Greenwood, entrambi al debutto con la Nazionale maggiore, rischiano seriamente di dover aspettare a lungo prima di poter indossare nuovamente la maglia bianca dei Tre Leoni.