Home » Calciomercato, l’Atletico Madrid rifiuta mega offerta del City per Gimenez
calciomercato

Calciomercato, l’Atletico Madrid rifiuta mega offerta del City per Gimenez

Il Manchester City di Pep Guardiola è alla ricerca di un difensore per puntellare una difesa già rinforzata dall’arrivo dal Bornemouth di Nathan Akè per circa 45 milioni di euro. Nelle scorse settimane si era fatto insistentemente il nome del centrale del Napoli Kalidou Koulibaly, ma la pista sembrerebbe essersi raffreddata. Il vero obiettivo dei Citizens sarebbe infatti José María Gimenez, uruguaiano dell’Atletico Madrid. Il club inglese ha già recapitato una super offerta ai Colchoneros. Offerta rispedita al mittente.

Una proposta difficile da rifiutare, quella recapitata dal Manchester City di Pep Guardiola all’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone per assicurarsi le prestazioni del forte difensore uruguaiano Josè Maria Gimenez. 85 milioni di euro, a tanto ammonta l’offerta economica del club inglese ai Colchoneros. Eppure dalle parti del Wanda Metropolitano hanno pensato bene di rispedire al mittente la generosissima proposta. L’allenatore spagnolo dei Citizens vorrebbe aggiungere un ultimo tassello al reparto arretrato dei suoi. Un reparto che comprende già Laporte, Walker, Stones, il neo acquisto Akè, Mendy, Otamendi e Garcia, solo per fare qualche nome. Gimenez sarebbe la classica ciliegina sulla torta.

L’Atletico Madrid rifiuta l’offerta del City: il presidente conferma

È stato il presidente dei Colchoneros Enrique Cerezo, intervenuto mercoledì alla trasmissione radio ‘El Transistor’ a confermare il rifiuto alla clamorosa offerta presentata dal Man City. A precisa domanda a riguardo, il numero uno dell’Atletico ha risposto: “Si, c’è stata un’offerta (del City) di 85 milioni. Il fatto è che Gimenez è un grande giocatore e vogliamo avere sempre giocatori magnifici“. Una chiusura netta o il tentativo di tirare sul prezzo per arrivare alla quota della clausola rescissoria del giocatore di 120 milioni di euro? Il mercato in Premier chiuderà, come in Italia, il 5 Ottobre. Entro quella data si avranno delle risposte certe.