Home » Di Maria col fioretto contro Scaloni: “Mi faccio il c*** e non mi convoca”
News

Di Maria col fioretto contro Scaloni: “Mi faccio il c*** e non mi convoca”

Non è proprio il miglior momento della carriera per l’esterno mancino del Paris Saint Germain Angel Di Maria. L’argentino sta scontando una maxi squalifica di quattro giornate in Ligue 1 in seguito al tumultuoso finale della sfida contro il Marsiglia e adesso fa i conti anche con la mancata convocazione con la nazionale da parte del Commissario Tecnico Lionel Scaloni. Una non-convocazione che El Fideo non ha preso proprio benissimo…

Uno sputo ad Alvaro Dominguez nel finale di Psg-Olympique Marsiglia che gli è costato ben quattro giornate di squalifica e adesso il Ct della Nazionale Argentina Lionel Scaloni che lo snobba per le partite di qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022 contro Ecuador e Bolivia. Non è certamente un periodo felice e sereno quello che sta passando il funambolo argentino Angel Di Maria. Ma se la squalifica ricevuta può essere considerata più che legittima, secondo El Fideo non lo è affatto la mancata convocazione con la Nazionale. Di Maria, parlando alla trasmissione radiofonica Closs Continental, ci è andato giù pesante contro il Ct Scaloni.

Di Maria contro Scaloni

Non riesco a trovare una spiegazione, sono senza parole. La Nazionale Argentina è la cosa che conta di più per me. Se mi faccio il c**o al Paris Saint-Germain è per poter giocare in nazionale. Ed è difficile comprendere il fatto che, nonostante io sia in un ottimo momento di forma, la convocazione non sia arrivata“. Questa la stoccata in punta di fioretto del mancino nei confronti del Ct. La mancata convocazione sarà forse colpa dell’età che avanza? El Fideo non la pensa così: “Se non mi chiamano è perchè non vogliono chiamarmi, ma io continuerò a combattere. Sono vecchio a 32 anni? Molta gente me lo dice, ma alla mia età continuo a correre sempre in ogni partita. E a dimostrare che non sono vecchio, che posso essere ai livelli di Neymar e di Mbappè“. Il Ct Scaloni risponderà alle dichiarazioni dell’esterno?