Home » Rabbia Mourinho dopo Tottenham-Newcastle: “Noi trattati diversamente”
News

Rabbia Mourinho dopo Tottenham-Newcastle: “Noi trattati diversamente”

È un fiume in piena Josè Mourinho dopo il pareggio in extremis subito dal suo Tottenham contro il Newcastle con un rigore assegnato dal Var a tempo ormai scaduto. Gli Spurs hanno impattato per 1-1 in casa e l’allenatore portoghese non ha nascosto la sua delusione ai microfoni di SkySports nel dopopartita.

Una partita dominata in lungo e in largo e pareggiata per 1-1 per un rigore fischiato a tempo ormai scaduto dall’arbitro con l’ausilio del Var. Penalty concesso per un fallo di mano di Dier su un colpo di testa di un avversario. È cocente la delusione di Josè Mourinho dopo il pareggio per 1-1 del suo Tottenham in casa contro il Newcastle. L’allenatore portoghese, dopo il rigore trasformato da Callum Wilson ha abbandonato furiosamente la panchina dirigendosi verso gli spogliatoi. Nel dopo gara è intervenuto ai microfoni di SkySports non riuscendo a nascondere la propria rabbia.

Mourinho furioso dopo Tottenham Newcastle

Nonostante il goal in apertura di Lucas Moura e le tantissime occasioni sprecate, gli Spurs sono stati raggiunti dal rigore in extremis assegnato dall’arbitro Bankes con l’ausilio del Var. A fine partita Mourinho non ha parlato direttamente dell’episodio del penalty, anche per evitare sanzioni: “La partita è finita e non voglio parlarne. Se voglio dare via un po’ di soldi li do in beneficenza, non voglio darli alla FA. Quindi non voglio commentare“. Poi però ha fatto intendere che c’è disparità di trattamento nei confronti degli Spurs rispetto alle altri grandi d’Inghilterra. In settimana lo Special One aveva criticato il frenetico calendario del Tottenham, impegnato in Europa League a metà settimana. Un fattore che secondo lui pesa molto sugli infortuni: “Immagino che martedì avremo un altro infortunio, giovedì un altro e forse domenica un altro paio. Ma questo è il rispetto che ottiene il Tottenham. Il Tottenham è un grande club, ma è un club in cui la nostra storia in termini di trofei non è così grande come quella degli altri club“. Messaggio lanciato, come sempre in stile Mou.