Home » Aria tesa in casa Psg: Tuchel attacca, Leonardo risponde
News

Aria tesa in casa Psg: Tuchel attacca, Leonardo risponde

Aria tesa in casa Paris Saint Germain, dove il mercato di basso profilo impostato dalla società dopo anni di spese folli non è proprio piaciuto al tecnico Thomas Tuchel, che ha bacchettato la dirigenza. La risposta dei vertici societari non si è fatta attendere, con Leonardo, direttore sportivo dei parigini, che ha replicato in maniera stizzita alle dichiarazioni dell’allenatore tedesco.

Tira una brutta aria in casa Paris Saint Germain, aria di tensione tra tecnico e dirigenza. Fulcro della polemica, il calciomercato. Qualche giorno fa l’allenatore dei parigini Thomas Tuchel, durante una conferenza stampa, ha lanciato un messaggio senza troppi giri di parole alla società lamentandosi apertamente del mercato. Con la crisi del Covid e un budget al ribasso, il Psg non ha messo in piedi la solita campagna acquisti faraonica a cui il tecnico tedesco era abituato. Abbiamo perso tanti giocatori. In troppi tra l’altro se ne vanno svincolati, senza portare denaro da reinvestire“, ha dichiarato Tuchel. “È possibile che non arrivino altri rinforzi dopo Florenzi, e per ora siamo meno forti della scorsa stagione, mentre altre squadre come City, Atletico e l’Inter si sono rinforzate. Non significa che ci rassegniamo a perdere, daremo sempre il massimo, ma se restiamo così dovremmo parlare di quali siano i nostri reali obiettivi“. Un messaggio diretto alla società, che per bocca di Leonardo non ci ha messo troppo a rispondere.

Psg, Tuchel attacca, Leonardo risponde

Non si è fatta attendere la risposta del direttore sportivo del Psg Leonardo dopo le dichiarazioni del tecnico Tuchel. L’ex Milan, come riporta L’Equipe, ha parlato a margine della larga vittoria dei parigini contro l’Angers: “Le sue dichiarazioni non sono piaciute alla società e non sono piaciute al sottoscritto“. Poi ha aggiunto: “La situazione è molto grave nel mondo. Stiamo vivendo un momento complicato. Non è possibile non capire questa situazione. Ne parleremo internamente: se qualcuno non è felice di stare al Psg, se ne parla senza problemi. Ma chi lavora con noi deve rispettare la politica del club e le regole interne“. Un botta e risposta dai toni accesi che probabilmente avrà ulteriori strascichi. I panni sporchi si lavano in famiglia, si dice. Un detto che sembra sconosciuto in casa Psg…