Home » La febbre del gioco di Bendtner: “Una volta ero sotto di 400mila alla roulette…”
News

La febbre del gioco di Bendtner: “Una volta ero sotto di 400mila alla roulette…”

“Sempre lui, ancora una volta, meravigliosamente lui…Nicklas Bendtner”, parafrasando una ormai mitica citazione di Massimo Marianella in riferimento a Didier Drogba. Il “Lord” danese continua a raccontare aneddoti della sua vita fuori dal campo, tra spese folli e nightlife, alcol e febbre del gioco. Un vizio, quello per il tavolo verde, che una volta lo ha portato addirittura in rosso di 400mila sterline…

Continuano ad emergere tante inedite vicende della vita sempre al limite, e spesso oltre, dell’attaccante danese Nicklas Bendtner. L’ex di Arsenal e Juventus tra le altre, nella sua autobiografia ha raccontato storie tratte dalla sua pazza quotidianità. Bendtner non ha mai nascosto di avere un problema con il gioco, rivelando tra le altre cose di aver perso quasi 6 milioni di euro a poker nel corso della sua vita. Una folle notte del 2011 invece, quando giocava ancora nell’Arsenal di Wenger, si ritrovò completamente ubriaco in un casinò di Londra, con le inevitabili conseguenze che il binomio alcol-tavolo verde può portare…

La folle notte di Bendtner alla roulette

Ricordando quella pazza notte alla roulette del 2011, Bendtner ha raccontato al The Guardian: “Sono troppo ubriaco per sedermi a un tavolo. Ma la roulette è una questione diversa. Rosso, nero, rosso, nero. Quanto può essere difficile?“. Difficile no, ma maledettamente dispendioso a quanto pare: “Dopo 90 minuti ho perso 400.000 sterline. Soldi che non avevo. Il mio conto in banca era scoperto e sarei andato in bancarotta se la mia fortuna non avesse girato“. Al danese serviva decisamente un cambio di rotta: “Ho barcollato fino ai bagni e mi sono spruzzato un po’ d’acqua sul viso. Poi ho trovato un cashier e preso altre 50.000 sterline in fiches“. Fortunatamente l’ex Juve è riuscito a rientrare di 380mila: “Sono riuscito in qualche modo a recuperare, ma quell’esperienza mi ha scosso. Era troppo rischioso, anche per me. È stato il campanello d’allarme che ha aiutato a spezzare quell’incantesimo“. Un’altra chicca, l’ennesima, della pazza vita fuori dal campo di Lord Bendtner…