Home » Griezmann, stoccata a Koeman: “Deschamps sa dove mettermi in campo”
News

Griezmann, stoccata a Koeman: “Deschamps sa dove mettermi in campo”

Competizione differente, stesso finale. La Francia supera ancora la Croazia, questa volta per 2-1. Il successo francese arriva nella quarta giornata del girone C di Nations League ed è siglato dai soliti Antoine Griezmann e Kylian Mbappe, due certezze per Deschamps. A nulla è servita invece la rete del momentaneo pareggio di Nikola Vlasic. Uno dei grandi protagonisti della serata è sicuramente l’attaccante del Barcellona, che ha segnato il gol del vantaggio all’ottavo minuto. Un eurogol che ha permesso al francese di superare Zinedine Zidane come quinto capocannoniere di tutti i tempi della Francia. Ora, il blaugrana è solamente a -1 da David Trezeguet. Nel post partita non è mancata, da parte sua, una stoccata a Koeman. Antoine ha infatti evidenziato che Deschamps sa dove metterlo in campo. 

Griezmann, stoccata a Koeman: “Deschamps sa dove mettermi in campo”

Il 29enne in nazionale continua a essere decisivo, stessa cosa non si può dire invece per il Barcellona. L’attaccante con il Barca sembra non essersi ancora ambientato, non ha ancora trovato il giusto feeling con Messi e il primo anno in Catalogna è stato abbastanza disastroso. Via Setien dalla panchina, avanti Koeman ma il risultato non cambia e la situazione purtroppo non sembra essere migliorata. Prestazioni super in maglia Les Blues, problemi e dissapori in maglia blaugrana. Una differenza abbastanza evidente, causata probabilmente dalla posizione in campo. Nel post partita l’attaccante, come riporta Goal, ha infatti tirato una stoccata a Koeman, ma a ben vedere anche agli ex allenatori del Barcellona. 

Il francese ha parlato della differenza tra la sua posizione nella nazionale francese e quella al Barca, elogiando Deschamps: “È stata una partita difficile, non molto difficile da giocare, non molto buona per sviluppare il nostro gioco. Il campo di gioco era lento, difficile, contro un avversario che voleva davvero batterci. Abbiamo saputo soffrire e la cosa più importante è stata la vittoria. Penso che sia stato un bel gol. La palla è venuta da me e ho provato a colpirla bene e ho segnato. Mi sento bene per l’obiettivo. L’allenatore sa dove mettermi quindi ho approfittato di questa situazione vantaggiosa e della fiducia dell’allenatore e dei miei compagni”.