Home » Mourinho dalla parte dei tifosi: “14 sterline per una partita? Un sacco di soldi”
News

Mourinho dalla parte dei tifosi: “14 sterline per una partita? Un sacco di soldi”

Come sempre diretto e deciso, Jose Mourinho non ha esitato a criticare le decisioni della Premier League nella conferenza stampa alla vigilia della sfida tra il suo Tottenham e il West Ham di David Moyes. Nel mirino dello Special One i nuovi piani della Premier di addebitare 14 sterline e 95 per le partite in pay per view. Tutto questo con i tifosi ancora impossibilitati ad entrare negli stadi per seguire le proprie squadre del cuore a causa del persistere dell’emergenza Covid-19.

Jose Mourinho si schiera apertamente dalla parte dei tifosi dopo la decisione della Premier League di mostrare in pay per view a quasi 15 pounds le partite che non verranno trasmesse dalle emittenti satellitari principali. La proposta è stata annunciata dopo che le linee guida del governo britannico hanno stabilito che le riunioni sportive di massa non sono ancora consentite, poiché la battaglia contro la diffusione del Coronavirus continua. “14 sterline sono un sacco di soldi“, ha detto il tecnico portoghese nella conferenza stampa prepartita prima del derby di Londra tra Tottenham e West Ham in programma domenica.

Mourinho sta con i tifosi

Come riporta il Daily Mail, le partite in pay per view a 14.95 esordiranno per la prima volta questo fine settimana. L’incontro tra Chelsea e Southampton farà infatti da apripista. Mourinho ha apertamente criticato la decisione della Premier League: “Non puoi nemmeno dividere la spesa con i tuoi amici perché non puoi farli venire a casa tua, almeno a Londra. È una situazione veramente difficile. Mi dispiace tanto per i tifosi. Ma si spera che tutto questo finisca rapidamente e presto almeno alcune persone possano tornare allo stadio“. Anche altri manager del massimo campionato inglese, come Brendan Rodgers, hanno espresso il loro disappunto per la controversa decisione. Difficile comunque che la Premier, nonostante le rimostranze di tifosi e addetti ai lavori, ritorni sui propri passi.