Home » Jackson Martinez, dall’Atletico Madrid all’hip hop: “Canterò per il Signore”
News

Jackson Martinez, dall’Atletico Madrid all’hip hop: “Canterò per il Signore”

Dal calcio all’hip hop. Un altro calciatore, o meglio ex calciatore, scopre le sue doti canore e cambia vita. Si tratta dell’ex attaccante dell’Atletico Madrid e del Porto Jackson Martinez che ora è a tutti gli effetti un artista musicale. Per la precisione, si dedica al cosiddetto hip-hop cristiano, un genere musicale che glorifica Dio e la vita religiosa. Il colombiano era arrivato in Europa nel 2012, per raccogliere la pesante eredità di Hulk al Porto. Rimane in Portogallo per tre stagioni collezionando 94 gol e si trasferisce poi all’Atletico Madrid per 35 milioni di euro. Il giocatore però, nella capitale spagnola, delude le aspettative e dopo mezza stagione lascia la Spagna per la Cina, unendosi al Guangzhou Evergrande con un contratto da 12,5 milioni di euro l’anno. Rimane in oriente per due stagioni prima di far ritorno in Portogallo, nel Portimonense. 

Jackson Martinez, dall’Atletico Madrid all’hip hop: “Canterò per il Signore”

Ad agosto però, a causa di continui infortuni alla caviglia, lascia il club e torna a casa. Con la fine delle sue avventure in campo, Jackson ha trovato finalmente il tempo per dedicarsi a una passione che insegue da un paio di anni: l’hip hop cristiano. Già nel settembre 2018 aveva pubblicato un album di sette tracce intitolato “No Temeré” ed ora è tornato alla ribalta con un nuovo pezzo, “Escucha”. Un triste declino nel mondo del calcio per il 34enne, che sembra però aver trovato una nuova entusiasmante carriera. 

Il suo obiettivo, come ha raccontato a Vamos, non è più quello di giocare e avere successo in campo ma è quello di cantare per il Signore: “In un momento critico della mia carriera, quando ho avuto due interventi chirurgici che mi hanno fatto stare fuori dal campo per due anni senza gareggiare, mi sono dedicato un po’ di più alla scrittura e ho preso la decisione di fare un album. Il Signore è stato al mio fianco durante quel periodo e lo scopo della mia musica è diffondere la parola di Dio”.