Home » Steven Gerrard, lascia il mondo del calcio per colpa della moglie?
News

Steven Gerrard, lascia il mondo del calcio per colpa della moglie?

I Rangers stanno dominando la Scottish Premiership e cercano di strappare ai rivali del Celtic il decimo titolo consecutivo. Steven Gerrard, dopo una brillante carriera in campo con la maglia del Liverpool, cerca ora di vincere il suo primo titolo come allenatore, ma c’è chi vorrebbe mettere fine alla sua carriera nel mondo del calcio. La moglie Alex chiede infatti a Steven di dedicarsi alla famiglia, e i 4 figli della coppia sono d’accordo con la madre. Troppe pressioni, troppi impegni e poco tempo da dedicare alla famiglia

Steven Gerrard e la carriera, la richiesta della moglie Alex

Lo stesso Gerrard, ai microfoni di High Performance Podcast, riconosce che, in questa fase della sua vita, Alex e i figli non stanno ricevendo le giuste attenzioni ed energie: Ci sono momenti in cui il calcio domina la tua vita e non puoi controllarlo. Ecco cos’è. Ma ci sarà una fase della mia vita in cui dovrò rinunciarci, per il bene della mia famiglia e per me stesso. Darci un taglio e vivere la vita con un po’ di pace. Deve esserci una fase della tua vita in cui hai calma e pace, ma al momento non mi sento pronto per questo. Mi sento ancora pieno di energia, penso di poter aiutare i giocatori. A un certo punto dovrò dare il 100% per Alex e i bambini, loro mi chiedono questo. Quando sarà, chi lo sa? Fosse per Alex, sarebbe già domani. Già domani lo vorrebbe

Steven e Alex si sono sposati nel giugno 2007 e lei è sempre stata il pilastro fondamentale della sua vita, che sa come farlo rimanere con i piedi per terra ma sa anche aiutarlo nei momenti di difficoltà: “Alex mi riporta con i piedi per terra quando arrivo a casa e abbiamo vinto una partita, e penso che sia fantastico. Ma mi aiuta anche a risollevarmi quando sono a terra. Anche lei sta vivendo il mio viaggio, la mia carriera, quindi a un certo punto toccherà anche ai ragazzi. Sai, fai del tuo meglio per tenere lo stress del lavoro lontano da loro, cerchi di non portarlo a casa. Ma qualsiasi allenatore o giocatore che dice ‘Sì, non lo porto a casa’, in realtà ti sta dicendo bugie”. E chissà se alla fine la spunterà Alex o la carriera.