Covid, Ibra testimonial: “Tu non sei Zlatan, non sfidare il virus!” (VIDEO)

Zlatan Ibrahimovic, dopo aver vinto la sua battaglia contro il Coronavirus, diventa testimonial per Regione Lombardia e lancia un appello a tutti i cittadini. Non bisogna sfidare il virus ma usare la testa e rispettare le regole. Il Covid-19 sta colpendo duramente anche il mondo del calcio. Sono moltissimi i giocatori tuttora positivi, tra questi Cristiano Ronaldo nella Juventus, Donnarumma e Hauge nel Milan o Hakimi dell’Inter. Nelle scorse settimane il virus aveva osato sfidare anche il Benjamin Button della Serie A. Ibrahimovic era risultato infatti positivo: “Il Covid ha avuto il coraggio di sfidarmi. Pessima idea…”. Al secondo giro di tamponi nel club rossonero l’attaccante era risultato ancora positivo, ma è riuscito a guarire e tornare in campo per il derby della Madonnina, conquistato dal Milan proprio grazie allo svedese

Covid, Ibra testimonial: “Tu non sei Zlatan, non sfidare il virus!” (VIDEO)

Ibra è guarito, ma l’aumento dei contagi in Italia è sempre più preoccupante e non accenna a fermarsi o a diminuire. E la Lombardia rimane sempre una delle regioni più colpite. Regione Lombardia decide quindi di dar vita a una campagna di sensibilizzazione anti Covid e sceglie come testimonial proprio Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese ha girato un video sul Belvedere del trentanovesimo piano di Palazzo Lombardia e ha lanciato un appello:Il virus mi ha sfidato e io ho vinto. Ma tu non sei Zlatan, non sfidare il virus. Usa la testa, rispetta le regole, distanziamento e mascherina, sempre. Vinciamo noi”.

Il video è stato poi pubblicato sui social, diventando subito virale. Distanziamento e mascherina, gli imperativi di Ibra per combattere e vincere contro la pandemia. L’idea di coinvolgere lo svedese è stata del governatore Attilio Fontana e l’attaccante ha accettato subito di collaborare. Il presidente l’ha poi ringraziato tramite un post su Facebook: “L’idea di coinvolgere Ibra mi è venuta la sera del derby. Zlatan tornava in campo dopo la convalescenza e a quel punto ho pensato che avrebbe potuto aiutarci a lanciare un messaggio importante. Lui ha accettato subito l’invito dimostrando una grandissima sensibilità e assoluta disponibilità e per questo lo ringrazio”.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti