Home » Real Sociedad, Alguacil massacrato dai napoletani e da Maradona Jr. ritratta la sua frase
News

Real Sociedad, Alguacil massacrato dai napoletani e da Maradona Jr. ritratta la sua frase

Nella conferenza della vigilia del match di Europa League tra Real Sociedad e il Napoli, il tecnico degli spagnoli Imanol Alguacil aveva punzecchiato gli azzurri paragonando l’idolo Maradona a David Silva. A seguito di numerose critiche (e insulti) ricevuti sui social, soprattutto dai tifosi napoletani, l’allenatore ha ritrattato quando precedentemente detto.

Alguacil: “Maradona? Abbiamo già David Silva

Quando un giornalista gli aveva chiesto: “Maradona giocherebbe in questa Real Sociedad?“. Alguacil tra il serio e il faceto aveva risposto: “Sicuramente sì, anche se per giocare in questa squadra bisogna lavorare e correre. Maradona aveva tantissima qualità, ma il resto meno. Noi abbiamo David Silva che ha grande esperienza ed è circondato da tanti giocatori di qualità…”. Pronta risposta del figlio del pibe de oro, Maradona Junior che a radio crc aveva commentato: “Purtroppo pensavo che le dichiarazioni di Alguacil fossero una bufala e invece il tecnico della Real Sociedad ha detto davvero che nella sua squadra, vista la presenza di Silva, non ci sarebbe posto per mio padre. Ad Alguacil dico di non esagerare con il vino durante i pasti serali…”.

Il tecnico nel post partita, è tornato su quelle dichiarazioni: “Ho risposto focosamente ad una domanda, ti dico la verità e cosa penso. Se ho seguito più la nazionale argentina che quella spagnola, è per Diego. Se amo questo sport, è per Maradona. Se conosco il Napoli e la lega italiana, è perché ci ha giocato Diego. E poi per il lavoro di Sarri. Sono state mal interpretate le mie parole. Lui, con Pelè, Cruijff, Messi e CR7, è il migliore al mondo. Auguri a Maradona per il suo compleanno, è uno dei più grandi e che mi ha spinto ad amare il calcio“.

A proposito di Maradona, sapevi che esiste una religione che lo venera? Leggi di più
Tanti auguri Diego! Ecco le curiosità più bizzarre su Maradona: dal maradonianesimo alla rehab con Napoleone