Home » Euro 2021, cambio di programma in vista: tutto in un solo paese? La Uefa ci pensa, poi smentisce
News

Euro 2021, cambio di programma in vista: tutto in un solo paese? La Uefa ci pensa, poi smentisce

Mancano poco più di 8 mesi all’inizio degli Europei 2021, inizialmente previsti per lo scorso anno e rinviati a causa della pandemia da Coronavirus. La grande novità di questa edizione sarebbe dovuta essere il suo carattere “itinerante”: non una ma ben 12 sedi in 12 paesi diversi. Ma visto il perdurare dell’emergenza la Uefa sta seriamente pensando di tornare alla formula originale. E secondo Le Parisien, c’è una nazione favorita ad ospitare la manifestazione, anche se prontamente è arrivata la secca smentita della Uefa…

Amsterdam, Baku, Bilbao, Bucarest, Budapest. E poi Copenhagen, Dublino, Glasgow e Londra. E per finire Monaco di Baviera, Roma e San Pietroburgo. Sono queste le dodici sedi disegnate per ospitare Euro 2021, prima edizione itinerante del trofeo continentale già posticipata di un anno per l’emergenza Covid-19. Sono, o meglio, erano. Già perchè la Uefa, secondo quanto riporta il quotidiano francese Le Parisien, starebbe pensando seriamente di far disputare la competizione in un unico paese. Il torneo, in programma dall’11 Giugno all’11 Luglio prossimi, dovrebbe svolgersi regolarmente, a meno di un peggioramento dell’emergenza. Ma costringere le squadre a viaggiare tra dodici diverse nazioni, ciascuna con il proprio protocollo sanitario, potrebbe risultare difficile, oltre che rischioso. Dalle segrete stanze del massimo organismo calcistico europeo dunque, starebbe prendendo piede l’ipotesi di far svolgere il torneo in un solo paese. E ci sarebbe già una candidata forte…

Euro 2021 in Russia?

Sarebbe la Russia la candidata favorita ad ospitare l’edizione 2021 degli Europei. Il paese si era già offerto di organizzare il torneo lo scorso anno, ma la Uefa aveva rinunciato all’idea. Il presidente Uefa Ceferin, per il momento, rifiuta di confermare pubblicamente qualsiasi indiscrezione e attende di vedere l’evoluzione della pandemia per prendere qualsiasi decisione. In un’intervista a #NoticiasVamos, ha garantito che la manifestazione si sarebbe disputata, anche se ha messo in dubbio il formato che era stato annunciato tempo fa. “Potremmo giocare il torneo in undici, cinque o in un solo paese invece di dodici“, ha detto. La Uefa studia la candidatura russa, ma nel frattempo sembra esserci una prima novità: Baku non dovrebbe essere sede di alcuna gara. L’Azerbaijan potrebbe infatti essere ufficialmente estromesso da paese organizzatore a causa del conflitto armato con l’Armenia nella regione del Nagorno-Karabakh.

La smentita

Dopo che la notizia di far svolgere Euro 2021 in Russia ha cominciato a circolare largamente in Europa, la Uefa si è affrettata a darne smentita. Il massimo organo calcistico europeo ha diramato una nota sul proprio sito ufficiale: “La Uefa intende far disputare Euro 2020 nel format e nelle sedi confermate a inizio anno e sta lavorando sui preparativi con le città ospitanti. Considerando le incertezze legate al Covid, su cui Uefa o i comitati organizzatori locali non hanno controllo, troppo presto per sapere se le partite di giugno e luglio avranno restrizioni per tifosi o anche se saranno disputate regolarmente. Gli sforzi della Uefa sono indirizzati a pianificare il torneo in 12 città con i tifosi negli stadi. Decisioni in contrapposizione con questo piano potranno essere prese solo molto più vicino al torneo ma attualmente non ci sono piani di cambiare le sedi“. Da qui a Giugno, le cose potrebbero comunque mutare. Quale sarà la formula e quali saranno le sedi della competizione?